Svizzera, 08 gennaio 2020

Giovane migrante ritrovata morta nel canton Vaud, arrestato un connazionale

Scomparsa da ormai più di 10 giorni, da venerdì 27 dicembre, la 17enne afgana Sara M. è stata ritrovata morta lunedì scorso a Yverdon, nel canton Vaud. Quel giorno aveva lasciato Baulmes per recarsi a Yverdon, a una decina di chilometri di distanza, e incontrare il suo fidanzato.

Martedì la polizia vodese, oltre a confermare l'identità della vittima, ha riferito che la morte della giovane è stata violenta. “La vittima è stata probabilmente uccisa diversi giorni prima della sua scoperta, lunedì mattina intorno alle 11 del mattino" si legge nel comunicato delle forze dell'ordine, citate da LeMatin.ch. Se non vengono rilasciati ulteriori dettagli sulle circostanze e le modalità con cui la 17enne è rimasta uccisa, la polizia ha fatto sapere di aver effettuato un arresto.

Arresto che, secondo LeMatin, sarebbe del fidanzato con cui la giovane doveva incontrarsi, un 19enne cittadino afgano, e quindi connazionale della vittima, residente nella regione di Losanna. Dopo essere stato ascoltato più volte dagli inquierenti è stato posto in detenzione preventiva.

Guarda anche 

Attacco all'arma bianca vicino alla sede di Charlie Hebdo, almeno due feriti

Un uomo e una donna sono stati accoltellati venerdì a Parigi, nei pressi della vecchia sede del giornale Charlie Hebdo, proprio mentre si tiene il processo per gli...
25.09.2020
Mondo

Condannati gli attivisti pro clima che avevano occupato una filiale del Credit Suisse

I dodici attivisti pro clima che avevano occupato una succursale del Credit Suisse nel 2018 e che erano stati assolti nel processo di primo grado lo scorso gennaio sono f...
25.09.2020
Svizzera

Degenera una lite in un appartamento di Zurigo, un morto e due feriti

Una lite è degenerata giovedì mattina in un appartamento di Zurigo causando la morte di un uomo e il ferimento di due donne. La polizia è stata aller...
24.09.2020
Svizzera

Nascose il fratello dopo l'omicidio, licenziato dall'amministrazione cantonale

È definitivo il licenziamento dall’amministrazione cantonale di un 38enne svizzero kosovaro domiciliato a Monte Carasso, fratello di uno dei cinque condannat...
22.09.2020
Ticino