Svizzera, 28 dicembre 2019

Erdogan esorta i turchi in Svizzera a non integrarsi e a rimanere fedeli alla Turchia

Martedì, alla sua apparizione ufficiale al Forum sui rifugiati di Ginevra, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si presentava come un leader diplomatico e conciliante. Di fronte a decine di telecamere, ha chiesto alla comunità internazionale un maggiore supporto per la Turchia.

Molto diverso invece è stato l'Erdogan che si rivolgeva ai suoi connazionali turchi in Svizzera il giorno prima. Il presidente turco ha tenuto un discorso di fronte ai suoi sostenitori nel hotel Four Seasons in cui si è scagliato contro l'integrazione dei turchi residenti in Svizzera.

In un video del discorso, di cui il "Blick" è entrato in possesso, Erdogan, davanti a circa 200 sostenitori, esortava i suoi connazionali a rimanere fedeli alla loro patria e a rifiutare di integrarsi in Svizzera

"Una nazione, una bandiera, una casa, uno stato. Così andremo avanti" diceva, fra le altre cose, in una frase seguita da scroscianti applausi.

Erdogan chiarisce ai presenti: anche se vivono in Svizzera, c'è solo una nazione a cui essere fedeli: la Turchia. Il presidente allunga la mano in aria, quattro dita distese, il pollice piegato: il "saluto di Rabia", il segno distintivo della Fratellanza Musulmana.

Erdogan va ancora oltre: c'è solo un paese che la diaspora turca deve seguire. Il compito in Svizzera, tuttavia, è quello di espandere la sua influenza: "Diventa attivo, in politica, scienza, economia!" In altre parole: infiltrati nella società svizzera ma rimani fedele alla fedele alla tua patria (e al suo governo).

Guarda anche 

"Accogliere i migranti di Moria significa incoraggiare la distruzione di altri centri profughi"

Il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri in un'interpellanza al Consiglio federale chiede che la Svizzera non accolga migranti dall'isola di Lesbo per "non in...
16.09.2020
Svizzera

Una legge che riguarda tutti

La legge sulla caccia non è fatta “per i cacciatori”, né quella sulla pesca “per i pescatori” (non più di quanto la legge sco...
07.09.2020
Ticino

Pauli Schönwetter è sicuro: “Sivzzera-Germania sarà una partita rognosa”

BASILEA - Pauli Schönwetter, già allenatore di Locarno, Bellinzona, Lugano e Chiasso, segue sempre con grande attenzione le vicende calcistiche dell...
06.09.2020
Sport

Mattia Melera: Chi non si integra danneggia le persone integrate

Negli scorsi giorni hanno destato scalpore le dichiarazioni del sociologo Ganga Jey Aratnam, professore all’Università di Basilea. Secondo Aratnam, gli svizz...
18.08.2020
Opinioni