Svizzera, 14 dicembre 2019

TAF giudica nuova legge sul canone anticostituzionale, chiesti cambiamenti

Il sistema di riscossione del canone radioTV è contrario alla Costituzione, perché crea disuguaglianze troppo grandi. Il Tribunale amministrativo federale in una sentenza raccomanda al Consiglio federale di porre rimedio a questo difetto durante la revisione dell'ordinanza.

A partire dal 1 ° gennaio 2019, ogni economia domestica e le imprese devono pagare una tassa radioTV indipendentemente dal possesso di un dispositivo ricevente. Questo sistema deriva dalla revisione della legge adottata dal popolo e dai Cantoni nel 2015.

Nel gennaio 2019, l'Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) ha inviato una fattura per 2'280 franchi a una PMI bernese. L'importo è stato fissato in base alla scala prevista nell'ordine, che comprende sei tranche di fatturato. Il canone annuale quindi, a dipendenza se si è un'economia domestica e il fatturato dell'impresa, varia tra i 365 e 35'950 franchi.

La società si è quindi rivolta al Tribunale amministrativo federale. Essa sosteneva che l'importo richiesto che corrisponde alla rata 3 - vale a dire un fatturato tra 5 e 20 milioni di franchi - rappresenta per esso un onere sproporzionato rispetto a quello sostenuto da imprese molto più grandi. Il sistema sarebbe quindi contrario al principio di uguaglianza.

In una sentenza pubblicata venerdì, i giudici di San Gallo ricordano che la tassa è utilizzata per finanziare un' informazione indipendente e di alta qualità. Quest'ultimo è di per sé un bene di primaria importanza. Alla fine, è
anche un fattore essenziale per la stabilità, il corretto funzionamento e l'attrattiva della Svizzera. Come tale, la tassa è utile per le famiglie e le imprese ed è saggio che contribuiscano al funzionamento e all'indipendenza di questo mezzo.

Anche se la percezione a livello delle società implica una certa schematizzazione, l'Alta Corte amministrativa non vede alcun motivo oggettivo che giustifichi l'attuale scala di sei tranche. Questo sistema comporta differenze significative all'interno di ciascuna categoria e tra la parte superiore e inferiore della scala. Di conseguanza, l'impresa ricorrente paga un importo corrispondente allo 0,04% del suo fatturato, mentre una società che dichiara un miliardo di franchi o più pagherà al massimo l'equivalente dello 0,004%.

Per il Tribunale amministrativo federale, questa differenza da 1 a 10 è effettivamente contraria al principio di uguaglianza davanti alla legge. Una volta che il Consiglio federale ha annunciato che analizzerà le conseguenze del nuovo sistema entro la metà del 2020, il Tribunale amministrativo federale si è limitato a constatare che è incostituzionale. Si raccomanda di porre rimedio a questo aspetto nell'ambito della revisione prevista dell'ordinanza.

Nella fattispecie, il ricorso è parzialmente accolto, ma il Tribunale amministrativo federale rinuncia a ridurre l'importo della tassa, come richiesto dalla PMI. Questa decisione non è definitiva e può essere impugnata dinanzi al Tribunale federale.

Guarda anche 

Licenziare un lavoratore in malattia non è per forza illegale, secondo il Tribunale federale

Il Tribunale Federale (TF) ha recentemente preso una decisione che, in alcuni casi, pregiudica la tutela dei dipendenti contro il licenziamento durante il congedo per mal...
09.06.2024
Svizzera

“Sì, era rigore”. Ma come si fa ad accettarlo in epoca VAR?

LUGANO – Ormai qualche giorno è passato, quel gusto amaro della sconfitta, della beffa, dell’occasione mancata è iniziato a passare. In casa Lug...
04.06.2024
Sport

Causa danni per 26'000 franchi dopo aver cercato di rubarne 100

Nel marzo 2023 un 25enne residente a Zugo ha scassinato la cassa di una stazione di benzina da dove ha prelevato un magro bottino di 100 franchi. Così facendo ha p...
04.06.2024
Svizzera

Il triste e immeritato “addio” del Sabba

LUGANO – Il giorno dopo si ragiona meglio, a mente fredda, con meno crampi alla pancia ma con qualche pensiero in più. Non per forza più lucido, ma si...
03.06.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto