Svizzera, 12 dicembre 2019

Accusava la famiglia di aver abusato di lei, nessuna condanna

Aveva denunciato il padre e il fratello per aver abusato sessualmente di lei, e la madre per aver lasciato fare. Ma alla fine sono stati tutti dichiarati innocenti per mancanza di prove.

I fatti denunciati sarebbero accaduti tra l'aprile 1996 e la primavera del 2011. Nella sua denuncia presentata alla fine di agosto, una vodese aveva accusato la sua famiglia di aver distrutto la sua infanzia. Il padre l'avrebbe violentata per 15 anni, mentre suo fratello l'avrebbe molestata per sei anni. Tutto sotto il naso della madre, che avrebbe lasciato fare senza mai intervenire.

Ma questo mercoledì, tutti e tre sono stati ritenuti innocenti dalla Corte correttiva
di Broye e del Vaud settentrionale. Come riporta "20 Minutes", i giudici hanno riscontrato che i ricordi della denunciante erano "troppo vaghi" e che non potevano escludere che fossero inventati.

Un verdetto peraltro atteso da quando l'accusa aveva lasciato cadere martedì tutte le accuse contro i tre imputati. Se il pubblico ministero ha poi dichiarato di essere convinto del fatto che qualcosa fosse successo, ha ammesso di non essere stato in grado di comprovare le accuse.

Per quanto riguarda dei palpeggiamenti alla sorella ammessi dal fratello, la Corte ha dichiarato che questi fatti sono stati prescritti dal 2011 e dal 2017.

Guarda anche 

Condannati in 16 a Berna per aver occupato un edificio

Bettina Bochsler, giudice unica del tribunale regionale di Berna-Mittelland, ha condannato oggi 16 persone che nel 2017 occuparono un edificio sulla Effingerstrasse. I 16...
17.06.2021
Svizzera

Italia-Svizzera e quella bomba disinnescata vicino allo Stadio Olimpico

ROMA (Italia) – Ieri sera, ahinoi, il campo ha parlato e ha emesso il suo verdetto chiaro ed inequivocabile: l’Italia è troppo forte al momento per que...
17.06.2021
Sport

A lezione di calcio: Svizzera, così si torna a casa

ROMA (Italia) – Un bel colpo d’occhio da parte dei numerosi tifosi svizzeri sugli spalti. L’urlo di Xhaka per caricare i suoi al termine del nostro inno...
17.06.2021
Sport

L'ONU interviene per "Carlos", che però viene condannato comunque

Avrà il tempo di distruggere ancora parecchie celle, il delinquente di origini brasiliane noto come “Carlos”, sebbene si chiami Brian. Ieri si apprende...
17.06.2021
Svizzera