Sport, 12 dicembre 2019

Behrami si confida: “Il cuore per la Svizzera, ma all’Europeo spero nell’Italia”

Il centrocampista rossocrociato, alla ricerca di una nuova squadra, ha raccontato anche il perché ha scelto di lasciare il Sion

UDINE (Italia) – Mai banale in campo così come fuori: Valon Behrami, in attesa di trovare una nuova squadra da cui ripartire (in Serie B sono diverse le formazioni che lo stanno corteggiando) si è raccontato in un’intervista molto interessante rilasciata a “Tuttomercatoweb”.

“Ho lasciato Sion dopo soli due mesi perché voglio sentirmi vivo, potevo restare a svernare come fanno in tanti ma non io – ha spiegato – In Vallese c’erano progetti interessanti che non si sono mai realizzati. Il metodo di lavoro era diverso dal mio, il campo non era sempre agibile, poi io mi allenavo da solo in palestra il pomeriggio e arrivavo la domenica stanco”.

“Se sono ancora quello di una volta? La gamba non è più la stessa, gli anni passano anche per me: non sono più quello che si butta negli spazi ma a Udine ho giocato anche da play. Ora sono qui e mi sto allenando con un preparatore e aspetto novità dal mercato: vorrei restare in Italia”, ha continuato. In effetti sul calciatore di Stabio ci sarebbero il Cittadella, il Chievo, il Crotone e il Pescara del suo amico Zauri: tutte squadre che puntano in alto nella serie cadetta italiana, ma la vicinanza a Udine e alle sue figlie potrebbe far pendere la bilancia su una delle prime due alternative.

Behrami inoltre ha parlato di Nazionale e dei prossimi Europei, dove la Svizzera se la vedrà anche con l’Italia nella fase a gironi. “Sono stato parte integrante della Svizzera per tanto tempo e il cuore dice Svizzera, ma ho tanti amici in Italia e quindi faccio il tifo perché vinca l’Europeo”.

Guarda anche 

Tra UE e Italia rapporti sempre più tesi, "ammorbidire regole UE o faremo senza l’Europa"

I rapporti tra Roma e Bruxelles si fanno sempre più difficili di fronte alla lentezza con cui l'Unione europea si sta muovendo per aiutare i paesi membri maggi...
09.04.2020
Mondo

"Il disinfettante sequestrato dall'Italia era destinato anche al Ticino?"

Il gel disinfettante sequestrato negli scorsi giorni da doganieri italiani (vedi articoli correlati) era destinato anche al Ticino? Se lo chiede il granconsigliere Massim...
08.04.2020
Ticino

Disinfettante sequestrato dall'Italia, "spero sia un errore di comunicazione"

Si dice stupito il granconsigliere Massimiliano Robbiani nell'apprendere del sequestro, da parte di doganieri italiani, di decine di migliaia di confezioni di gel igi...
07.04.2020
Svizzera

Doganieri italiani avrebbero confiscato disinfettante destinato alla Svizzera

Oltre 37 mila confezioni di gel igienizzante per le mani sono state sequestrate dall’Agenzia delle dogane allo scalo ferroviario di Domodos...
07.04.2020
Svizzera