Sport, 12 dicembre 2019

Behrami si confida: “Il cuore per la Svizzera, ma all’Europeo spero nell’Italia”

Il centrocampista rossocrociato, alla ricerca di una nuova squadra, ha raccontato anche il perché ha scelto di lasciare il Sion

UDINE (Italia) – Mai banale in campo così come fuori: Valon Behrami, in attesa di trovare una nuova squadra da cui ripartire (in Serie B sono diverse le formazioni che lo stanno corteggiando) si è raccontato in un’intervista molto interessante rilasciata a “Tuttomercatoweb”.

“Ho lasciato Sion dopo soli due mesi perché voglio sentirmi vivo, potevo restare a svernare come fanno in tanti ma non io – ha spiegato – In Vallese c’erano progetti interessanti che non si sono mai realizzati. Il metodo di lavoro era diverso dal mio, il campo non era sempre agibile, poi io mi allenavo da solo in palestra il pomeriggio e arrivavo la domenica stanco”.

“Se sono ancora quello di una volta? La gamba non è più la stessa, gli anni passano anche per me: non sono più quello che si butta negli spazi ma a Udine ho giocato anche da play. Ora sono qui e mi sto allenando con un preparatore e aspetto novità dal mercato: vorrei restare in Italia”, ha continuato. In effetti sul calciatore di Stabio ci sarebbero il Cittadella, il Chievo, il Crotone e il Pescara del suo amico Zauri: tutte squadre che puntano in alto nella serie cadetta italiana, ma la vicinanza a Udine e alle sue figlie potrebbe far pendere la bilancia su una delle prime due alternative.

Behrami inoltre ha parlato di Nazionale e dei prossimi Europei, dove la Svizzera se la vedrà anche con l’Italia nella fase a gironi. “Sono stato parte integrante della Svizzera per tanto tempo e il cuore dice Svizzera, ma ho tanti amici in Italia e quindi faccio il tifo perché vinca l’Europeo”.

Guarda anche 

Da promessa del calcio a star del porno… è il più pagato in Gran Bretagna

LONDRA (Gbr) – Era una giovane e promettente promessa del calcio. Ora è diventato una star del porno. Quella più pagata in assoluto in Gran Bretagna. ...
26.10.2021
Sport

Lugano e… la dura legge del gol

BASILEA – “È la dura legge del gol, fai un gran bel gioco però, se non hai difesa gli altri segnano e poi vincono”. Recitava così u...
25.10.2021
Sport

Agli arresti domiciliari, chiede di tornare in prigione per non stare con la moglie

Un uomo agli arresti domiciliari in Italia si è presentato a una stazione di polizia chiedendo di poter tornare in prigione perché trovava la vita a casa co...
24.10.2021
Mondo

Vito, un uomo semplice che ha segnato un’epoca

LUGANO - Vito Gottardi è stato un grande calciatore ticinese. Uno dei pochi nati al Sud delle Alpi che abbia avuto la possibilità di giocare un ca...
26.10.2021
Sport