Svizzera, 09 dicembre 2019

"La Svizzera deve difendersi dall'Islam"

Cosa sta succedendo alla Svizzera? Prima delle vacanze estive, un giovane siriano di una famiglia di rifugiati, ricevendo una protezione speciale e tutta l'assistenza sociale possibile in Svizzera, ha aggredito e mandato in ospedale il suo insegnante di 63 anni di pensionamento. L'insegnante voleva impedire allo studente di minacciare i suoi compagni nel cortile della scuola con il suo pugnale.

Un terribile evento accaduto a Rickenbach (LU) è appena stato reso pubblico. Durante la tradizionale processione di San Nicolao, un quindicenne albanese ha dato sabato scorso una pugnalata alle spalle a un uomo nel cortile del liceo. La brutta ferita doveva essere suturata in ospedale. Secondo i resoconti dei media, l'albanese avrebbe dapprima minacciato verbalmente la vittima e poi lo ha colpito con una pugnalata. Il pestaggio di un insegnante svizzero da parte di un giovane islamista, come si è scoperto dopo, è stato particolarmente odioso. L'aggressione con un coltello non ha colpito solo la vittima, un ragazzo di diciassette anni, ma anche una delle più belle tradizioni svizzeri per bambini e famiglie. San Nicolao incarna la magia del periodo natalizio. Si tratta di una figura emblematiche della cultura cristiana tradizionale, vittima in questo caso di un'aggressione codarda.

I casi di Möriken e Rickenbach sono segnali di avvertimento. Sono uno sviluppo preoccupante. L'Islam si sta diffondendo con più audacia e violenza in Svizzera? La domanda deve essere posta. I loro autori non erano né protestanti né buddisti disinibiti. Erano musulmani, militanti punta di diamante dell'inaccettabile che sta diventando un luogo comune. Possiamo aggiungere quello che è successo in una scuola a Wil. Per rispetto dei musulmani, alcuni canti natalizi cristiani sono stati recentemente banditi. L'Islam si sta diffondendo e la Svizzera si sta ritirando.

Voci rilassanti pronte a minimizzare i fatti sono già state ascoltate. A Rickenbach, qualcuno ha preso le difese dell'aggressore sostenendo che si sia difeso - con un temperino. Sentiamo anche tali commenti da Möriken. Il brutale aggressore, che ha spezzato la mascella del suo insegnante, ha voluto difendere una vittima delle molestie di quest'ultimo. Il male è buono e il bene è cattivo. A furia di vedere solo persone buone e ben intenzionate non si vede più la realtà.

La Svizzera deve difendersi. L'insolente espansione islamica tocca una società che ha scrupoli per rafforzare la sua identità. Nel più antico stato democratico in Europa, si sta diffondendo una arcaica cultura maschilista, basata sulla legge del più forte e su una concezione aggressiva dell'onore. Quando gli insegnanti in pensione e i San Nicolao di Natale diventano obiettivi di brutalità, dobbiamo affrontare la diffusione in Svizzera di qualcosa che mina fondamentalmente il nostro stile di vita.

Queste vicende non arrivano dal nulla. Möriken, Wil o Rickenbach sono la conseguenza di un'errata politica di immigrazione. Notiamo che le persone, a dire il vero, non sono mai state consultate. È appena successo. Le autorità hanno permesso a folle di stranieri di entrare in Svizzera, compresi molti musulmani e albanesi che hanno portato le loro famiglie dagli anni 90. Il popolo svizzero non lo voleva. Ma le élite hanno pensato che questi fosse trascurabile e stupido. Anche i voti popolari sono stati ignorati. Senza l'ampio sostegno, soprattutto da parte dei media pubblici, questa politica migratoria non avrebbe potuto essere imposta contro la volontà della gente.

Sinistra e Verdi sono i primi a predicare la salvezza delle società multiculturali. Hanno complici fino alla classe media, in prima linea c'è l'avvocato nazionale PLR, Kurt Fluri, difensore dell'immigrazione più eloquente, che sfida all'occorrenza la Costituzione federale. Questi politici e i loro elettori sono responsabili degli attacchi perpetrati oggi contro i San Nicolao in Svizzera, il pestaggio degli insegnanti da parte di giovani islamisti e il divieto di canti natalizi per deferenza nei confronti dei musulmani.

Lo scienziato politico americano Samuel Huntington ha anticipato, più di venti anni fa, ciò che accade a livello molecolare nelle nostre scuole nel suo bestseller "Lo Scontro delle Civilità". Il suo libro è stato rivelatorio. Fu pubblicato in un periodo di illusioni euforiche sulla fine della storia e l'apparizione ipotetica dell'idea di pace eterna. Mantenendo il sangue freddo, questo ricercatore rimase nelle sue posizioni. Vide una nuova ondata di conflitti che spazzavano il mondo, non ideologici ed economici come durante la guerra fredda, ma conflitti culturali in cui si scontrarono civiltà e sistemi di valori diversi. Huntington aveva dei semplici consigli per l'Occidente: la sua sopravvivenza dipendeva dalla capacità dei paesi occidentali di "rafforzare la loro identità occidentale".

Huntington ha fatto appello per una stretta collaborazione tra paesi occidentali. I paesi occidentali hanno dovuto concordare "rinnovare la propria cultura e proteggersi dalla sfida delle società non occidentali". Era particolarmente preoccupato per "il declino delle famiglie, l'etica del lavoro e l'istruzione". Il benessere futuro dell'Occidente "e la sua influenza su altre società dipendono in larga misura dalla sua capacità di far fronte a queste tendenze su cui, naturalmente, si basa la pretesa di superiorità morale di musulmani e asiatici."

La Svizzera, un paese multiculturale e multiconfessionale, ha forse avuto difficoltà a mobilitare il proprio "modello culturale" contro migranti e musulmani. È tanto più importante avere una politica di immigrazione controllata in modo ragionevole. Chi vuole la libertà al proprio interno deve essere più severo ai confini.

Roger Köppel / Weltwoche (testo tradotto)

Guarda anche 

Ecco i tre vincitori dello “Swiss Stop Islamization Award 2020”

Lo scopo dello Swiss Stop Islamization Award, ideato nel 2018 dal movimento politico “Il Guastafeste” di Giorgio Ghiringhelli (www.ilguastafeste.ch), è...
12.05.2020
Svizzera

"Un premio destinato a chi combatte la letale 'islamopandemia'"

E’ partita nelle scorse settimane l’organizzazione della terza edizione del premio nazionale ideato dal movimento politico “Il Guastafeste” allo s...
21.04.2020
Svizzera

Le assoluzioni di Nicolas Blanco e Qaasim Illi annullate dal Tribunale federale

Il Tribunale federale ha annullato l'assoluzione di Nicolas Blancho e Qaasim Illi (nella foto), processati a seguito della diffusione di video di propaganda islamica ...
15.03.2020
Svizzera

Si era unita all'ISIS, perderà (probabilmente) il passaporto svizzero

Una donna residente nel canton Vaud perderà verosimilmente la nazionalità svizzera perchè si è unita allo Stato islamico (ISIS). La donna, 30e...
05.02.2020
Svizzera