Ticino, 30 novembre 2019

Delinquente può restare in Ticino grazie al Tribunale federale

Ha decine di migliaia di franchi di debiti. Non ha una formazione e non ha praticamente mai lavorato. È stato più volte condannato, per truffa, lesioni semplici, vie di fatto, minaccia e vari reati legati alla droga. Ma per poterlo espellere le autorità ticinesi devono prima accertarsi se sia effettivamente dipendente dall’alcool e dagli stupefacenti e se non vi sia una possibilità di recupero.

Il Tribunale federale ha annullato l’espulsione di un 28enne colombiano decisa dal Dipartimento delle istituzioni nel 2017, pochi mesi dopo che l’uomo aveva subito l’ennesima condanna, a 16 mesi di carcere per violenze sulla compagna. In precedenza era stato più volte condannato per spaccio di cocaina e una volta per truffa, per aver venduto della farina presentandola come cocaina. Visto che l’uomo pareva non volerne sapere di mettere la testa a posto e che nel frattempo aveva accumulato parecchie esecuzioni (27’018.30 franchi), attestati
di carenza beni (27’370.45 franchi) e debiti verso l’ente pubblico (36’503.55 franchi), le autorità cantonali gli avevano così revocato il permesso di domicilio e gli avevano intimato di lasciare il territorio elvetico al momento della scarcerazione.

Ma il cittadino colombiano si è fatto assistere dall’avvocato Mattia Guerra per cercare di restare in Svizzera, dove era giunto all’età di 12 anni per raggiungere la madre. Sia il Consiglio di Stato che il Tribunale amministrativo cantonale avevano confermato la decisione del Dipartimento delle istituzioni. Ma il Tribunale federale, con sentenza pubblicata oggi, sostiene che bisogna effettuare ulteriori accertamenti, in particolare per verificare se dopo la scarcerazione l’uomo non abbia “riorientato in positivo la propria esistenza”. La causa è quindi stata rinviata in Ticino, in modo che la situazione del delinquente colombiano possa essere rivalutata.

Guarda anche 

Espulsi dalla Svizzera i tre giocatori che picchiarono un arbitro

Cartellino rosso per i tre giocatori kosovari del FC Tordoya che nel 2018 aggredirono brutalmente un arbitro, durante una partita di quinta lega al centro sportivo di Eva...
15.04.2021
Svizzera

Tre calciatori rischiano l'espulsione dalla Svizzera per aver picchiato un arbitro

Sarà resa nota domani, giovedì, la sentenza nei confronti di tre cittadini kosovari processati questa settimana a Ginevra per rispondere della brutale aggre...
14.04.2021
Svizzera

Ha spacciato tutta la vita: ora che è in pensione non può tornare dalla moglie in Ticino

Sua moglie vive in Ticino con un permesso C. Lui, appena uscito dal carcere in Italia e fresco di pensionamento, avrebbe voluto tornare da lei. Ma sarà lei a dover...
14.04.2021
Ticino

Rubava auto in Ticino e le rivendeva: condannato ed espulso

Un 30enne rumeno comparso ieri in aula penale a Lugano è stato condannato a 16 mesi di detenzione da espiare e a 5 anni di espulsione dalla Svizzera. L’uo...
10.04.2021
Ticino