Svizzera, 29 novembre 2019

Tradisce la moglie svizzera con una camerunese: via il passaporto

Aveva ottenuto il passaporto rossocrociato grazie al matrimonio con una cittadina elvetica. Ma nonostante fosse sposato e vivesse in Svizzera, continuava a fare figli con una sua connazionale in Camerun. Ora l’uomo deve quindi restituire il proprio passaporto. E poco importa se così diventerà apolide. “Questo rischio non è un ostacolo all’annullamento della naturalizzazione agevolata - scrive il Tribunale federale -. Se questa è stata ottenuto in modo fraudolento, l’interessato deve sopportare le conseguenze che gli risultano dalla perdita della cittadinanza svizzera”.

L’uomo, come si legge nella sentenza pubblicata giovedì (1C_247/2019), era giunto in Svizzera come richiedente l’asilo nel 2004, all’età di 29 anni. La sua domanda era stata respinta, per cui avrebbe dovuto tornare in Camerun. Lo scampò grazie al matrimonio con una donna svizzera, di quindici anni più anziana di lui. Era il 2006. 

Nel 2010 l’uomo ha chiesto la naturalizzazione agevolata e nel 2013 ha ottenuto il passaporto svizzero. Pochi mesi dopo ha divorziato. Preso atto della separazione della coppia, la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha quindi deciso di annullare la naturalizzazione agevolata dell’uomo, ritenendo che fosse stata ottenuta con un matrimonio di comodo. 

In effetti non soltanto la tempistica del divorzio era sospetta. Era pure emerso che nel periodo del suo matrimonio in Svizzera l’uomo aveva avuto tre figli in Camerun. Non con sua moglie, che non ne sapeva nulla, bensì con l’amante camerunense. Il Tribunale federale, come già in precedenza il Tribunale amministrativo federale, ha quindi confermato la decisione della Sem. 


Guarda anche 

Negato il risarcimento alla donna che se la prese con Gobbi

Il Tribunale federale ha definitivamente bocciato la richiesta di un risarcimento danni di 300'000 franchi avanzata da una cittadina italiana cui il Dipartimento dell...
27.02.2020
Ticino

Due rapinatori ultraviolenti condannati a 16 e 14 anni di carcere

L'11 dicembre 2017, camminando nel cuore della notte in una via di Ginevra, un uomo era stato preso di mira da due delinquenti che volevano derubarlo. Armati di colte...
24.02.2020
Svizzera

Aspirante frontaliere fermato da un fax

Avrebbe dovuto sapere che non è consentito inviare un ricorso via fax, a causa dell’assenza di una firma autografa originale. O se non lui, almeno avrebbe do...
22.02.2020
Ticino

Aveva imbrattato le mura di una banca, condanna (sospesa) per un attivista pro clima

Il Tribunale di polizia ginevrino ha giudicato colpevole un 23enne attivista per aver imbrattato un edificio di Credit Suisse a Ginevra nell'ottobre 2018. Il giovane ...
21.02.2020
Svizzera