Mondo, 28 novembre 2019

"La Svezia è piena e molti migranti devono fare ritorno a casa loro"

 "Per essere in grado di riparare il danno che è già stato fatto, è necessario che l'immigrazione causata dall'asilo scenda al minimo assoluto", ha detto Jimmie Åkesson (nella foto), leader del partito Democratici Svedesi (SD) al congresso del partito.

“In parole povere: ci devono essere più immigrati che rientrano a casa rispetto a immigrati che arrivano. Dobbiamo inviare il segnale che la Svezia è piena e lo sarà per il prossimo futuro. È una premessa di base. Se non lo facciamo, i problemi continueranno a crescere e le conseguenze saranno anche peggiori. E allo stesso tempo dobbiamo osare a fare nuove richieste. Requisiti per l'autosufficienza [...] ma se vivi in ​​Svezia devi adattarti. Devi adattarti ai valori del nostro paese, rispettare i nostri standard, imparare la lingua, conoscere come funziona la nostra società. Devi capire che sei venuto in un nuovo paese [...] e quindi non puoi aspettarti di vivere come nella tua nazione di provenienza." ha detto Akesson, fra le altre cose

Åkesson ha anche scritto un articolo sul giornale Aftonbladet in cui afferma che "l'immigrazione di massa ha gravemente danneggiato la Svezia".

I democratici svedesi hanno guadagnato popolarità a un ritmo mai visto nel paese scandinavo., passando dal 5,7 per cento delle elezioni del 2010 a quasi il 20 per cento e, secondo diversi istituti demoscopici, il partito sarebbe ormai il primo del paese.

Il dibattito sull'immigrazione, tema faro di SD, è scoppiato in intensità nelle ultime settimane dopo una recrudescenza di criminalità straniera, in particolare legata alle gang. Stefan Löfvén, primo ministro svedese, ha recentemente subito molte critiche dopo che in un'intervista televisiva ha affermato che "la migrazione di massa non ha fatto aumentare i crimini". Anche la giornalista socialdemocratica Lena Mellin, ha scritto sul quotidiano Aftonbladet che l'intervista di Löfvén è stata un disastro.

Nel frattempo, il leader del partito di destra "I Moderati" ha affermato che Löfvén avrebbe potuto prevedere lo sviluppo negativo seguito dall'immigrazione di massa. Contrariamente al primo ministro ha riconosciuto i problemi legati all'immigrazione e ha anche ammesso che il suo stesso partito - I moderati - era parzialmente responsabile per questi problemi.

Guarda anche 

La singolare strategia della Svezia per far fronte al coronavirus, niente confino e scuole aperte

Caso più unico che raro sul continente europeo, la Svezia non ha istuito alcun confinamento, le attività economiche in gran parte non sono state sospese e l...
26.03.2020
Mondo

Migranti: la minaccia turca

Mentre in queste settimane non si parla che quasi esclusivamente e comprensibilmente dell’emergenza generata dalla pandemia da Coronavirus, molto poco si dice di un...
15.03.2020
Mondo

Grecia, dall'UE 2'000 euro a ogni migrante che tornerà al suo paese d'origine

L'Unione europea e la Grecia hanno annunciato giovedì 12 marzo ad Atene un'incentivo finanziario per incoraggiare 5'000 dei migranti presenti nei campi...
13.03.2020
Mondo

"La Svizzera è pronta a far fronte a un'ondata migratoria dalla Turchia?"

La situazione al confine tra Grecia e Turchia, dove migliaia di migranti sono ammassati nel tentativo di entrare in Europa, continua a preoccupare i paesi europei, in par...
03.03.2020
Svizzera