Svizzera, 28 novembre 2019

La soluzione di Ginevra per far lavorare i disoccupati: chiedere più domande di lavoro

In Svizzera chiunque è in disoccupazione deve presentare, al proprio collocatore, un certo numero di domande di lavoro per dimostrare che sta attivamente cercando un impiego. Il numero di candidature sono generalmente dieci ogni mese, ma il canton Ginevra le ha recentemente alzate a 14 e, questo, solo per due professioni specifiche : i cuochi e i camerieri. Due mestieri che, nella città di Calvino, sono flagellati dalla disoccupazione con tassi nettamente superiori di 28,5% per i primi e 13,5%.

La misura introdotta dal Dipartimento della sicurezza, dell'impiego e della sanità però non raccoglie i favori dei diretti interessati, che ora devono presentare quasi la metà in più di candidature per non incorrere in penalità. E, come riferisce la "Tribune de Geneve", anche il sindacato SIT è critico. "L'aumento del numero di candidature aumenterà magicamente il numero di posti di lavoro?", si chiede Marlene Carvalhosa Barbosa, segretaria sindacale del SIT. Dal suo punto di vista, la risposta è no, ovviamente. "Non aiuterà a trovare un lavoro, ma aumenterà il rischio di sanzioni" per i disoccupati. E specificare che le penalità finanziarie possono essere "drammatiche" considerando il basso livello di remunerazione praticato nel settore della ristorazione (lo stipendio minimo dà diritto a un'indennità di disoccupazione di 2430 franchi al mese) . "Vi è una reale mancanza di posizioni permanenti a Ginevra. Abbiamo un problema di sottoccupazione, non di postulazione. "I sindacati temono inoltre che questa direttiva" discriminatoria "mirata al restauro venga, eventualmente, estesa ad altre professioni.

Il Dipartimento da parte sua difende la misura ritenendo che sia necessaria per le specificità dei due mestieri. Secondo il suo portavoce Laurent Paoliello, nel campo della ristorazione Ginevra ha 1'200 persone in cerca di lavoro e 2'500 aziende attive in questo settore. "Dal 1 ° luglio 2018, 10'000 posti vacanti sono stati annunciati nel Cantone, ovvero 166 posti di lavoro a settimana da ricoprire." Conclude che, anche se la maggior parte di queste posizioni non sono a tempo determinato, è necessario postulare a volontà, anche per le mansioni più brevi. "Il lavoro c'è. Si tratta di mantenere l'esperienza, farsi conoscere. Se sono buoni lavoratori, verranno richiamati. Occupare il terreno è essenziale perché sono in competizione con molte persone". 

Guarda anche 

Lockdown e disoccupazione

Da oggi è stato dcretato un lockdown “light” per arginare i contagi del Covid-19 che rischiano di sfuggire di mano. Sono state fatte promesse per aiuta...
18.01.2021
Opinioni

Lugano bastonato e con le ossa “rotte”

LUGANO – Dopo le brillanti vittorie con cui aveva aperto l’anno, a Davos e in casa col Langnau, il Lugano era atteso a una vera e propria prova di forza negli...
10.01.2021
Sport

Ginevra, migrante accoltella a morte il fidanzato della ex

Un omicidio è avvenuto attorno alle 18 di ieri, sabato 2 gennaio, a Vernier, nel canton Ginevra. A perdere la vita - comunica il Ministero pubblico ginevrino - &eg...
03.01.2021
Svizzera

Condannato a cinque mesi di carcere per aver scritto messaggi razzisti sul web

Un cittadino svizzero residente nel canton Ginevra è stato condannato per pubblica istigazione all'odio e alla discriminazione per aver scritto frasi a caratte...
23.12.2020
Svizzera