Svizzera, 27 novembre 2019

Lavora all’aeroporto, quindi ha diritto all’asilo

La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) aveva negato l’asilo a una donna somala presentatasi a Chiasso lo scorso 6 agosto. Ma non aveva preso in considerazione il fatto che la donna lavorava all’aeroporto di Mogadiscio. E che quindi, in tale veste, fosse a rischio di ripercussioni da parte del gruppo terroristico islamico Al-Shabaab. Quindi il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha accolto il ricorso presentato per conto della donna somala dalla giurista di SOS Ticino Cinzia Chirayil ed ha annullato la decisione della SEM.

Nella sentenza pubblicata oggi dal TAF si legge che la donna, cittadina somala di etnia araba, aveva raccontato di aver lasciato il suo Paese dopo essere stata sottoposta a pressioni e minacce da parte di Al-Shabaab in ragione del suo impiego presso l’aeroporto di Mogadiscio. Queste persecuzioni, secondo il racconto della donna, erano da ultimo sfociate in un attentato costato la vita a suo marito. In quell’occasione la donna avrebbe anche sofferto un’interruzione di gravidanza. Lo scorso 30 settembre la SEM aveva deciso di ammettere provvisoriamente la donna in Svizzera, vista l’inesigibilità dell’allontanamento verso la Somalia, ma di respingere la sua domanda d’asilo.

Una decisione sbagliata per il TAF, secondo cui “in effetti, le persone sospettate di lavorare all’aeroporto di Mogadiscio, parrebbero rientrare in una categoria di individui a rischio di trattamenti pregiudizievoli sia da parte di Al-Shaabab che da parte di altre persone”. La SEM, secondo i giudici, non avrebbe considerato questo aspetto ed avrebbe così violato il diritto della richiedente di essere sentita. Il ricorso è dunque stato accolto e il dossier è stato rinviato alla SEM per la pronuncia di una nuova decisione.

Guarda anche 

I greci manifestano contro l'immigrazione, "rivogliamo le nostre isole"

Migliaia di greci hanno protestato mercoledì sulle isole del Mar Egeo, che ospitano i più grandi campi di migranti della Grecia, chiedendo l'immediata p...
23.01.2020
Mondo

Condannato per discriminazione razziale per aver insultato gli stupratori della sua amica

Insulta gli stupratori della sua amica e viene condannato. Uno dei quattro uomini condannati per lo stupro di una transessuale di 27 anni a Vevey nel canton Vaud (vedi ar...
18.01.2020
Svizzera

Avevano occupato il Credit Suisse "per il clima" e criticare Federer, tutti assolti

Il tribunale distrettuale di Renens ha assolto un gruppo di dodici attivisti pro-clima che avevano partecipato a novembre 2018 all'occupazione dei locali del Credit S...
14.01.2020
Svizzera

Richiedente l'asilo picchia la compagna incinta per farla abortire, condannato (ma niente carcere né espulsione)

Un richiedente l'asilo iracheno è stato riconosciuto colpevole di lesioni semplici per aver picchiato ripetutamente la compagna incinta per farla abortire. Non...
13.01.2020
Svizzera