Mondo, 23 novembre 2019

Germania, a Francoforte si vuole aprire la prima piscina per musulmani

Una piscina riservata ai soli musulmani. È l'idea di Abdullah Zeran, 38enne turco con passaporto tedesco residente a Francoforte, e ideatore del progetto di una piscina in cui chi non è di fede islamica non può entrare. Zeran sembra pensare che distinguersi non solo non sia un male, ma anzi contribuisca in qualche modo a difendere la comunità musulmana da usi e costumi non condivisi. Quelli che poi appartengono alla civiltà occidentale.  infatti, la questione ruota attorno ad una necessità specifica: i musulmani ortodossi, di base, non prevedono che uomini e donne possano nuotare insieme. Nelle piscine comuni, quelle frequentate da tutti, questo succede. Ed è anche per questa ragione che ad Abdullah Zerar è venuta questa idea: una piscina limitata alle sole persone di fede islamica consentirebbe di ovviare al problema.
 
Per ora il progetto è ancora sulla carta ma Zeran sostiene di aver individuato l'area adatta, ed è alla ricerca di investitori per gli mettano a disposizione i tre milioni di euro necessari. Anche se dice di non voler accettare soldi dalle associazioni religiose, che secondo lui sarebbero tutte controllate dall'estero. Ma anche senza l'aiuto esplicito di entità religiose Zeran avrebbe già raccolto diversi sostegni per la sua iniziativa "anche da comunità turche lontane centinaia di chilometri".

Ma Zeran non vuole che il suo progetto sia "frainteso" come un invito alla segregazione "trovo normale che ci sia un luogo dove immigrati musulmani non si sentano disagio. Ogni comunità religiosa ha le sue regole: noi andiamo alla moschea il venerdì, gli ebrei in sinagoga il sabato, i cristiani vanno in chiesa alla domenica". Ma nuotare in piscina non è un'attività religiosa, ribattono quanti a Francoforte non sono d'accordo con lui. Ogni comunità straniera avrebbe il dovere di integrarsi nella società che la ospita, e una piscina separata, dove si presume che l'ingresso dovrebbe essere vietato a chi non è musulmano, favorisce invece la segregazione.

Il tema delle piscine separate per musulmani non è nuovo in Germania. In diverse piscine del paese infatti da tempo si offrono vasche riservate a uomini e donne, di norma per un determinato tempo, e spesso quelle riservate alle donne vengono "monopolizzate" dalle donne musulmane che non "possono", per fede religiosa, farsi vedere da uomini che non siano familiari. Ma questa piscina sarebbe la prima interamente e esplicitamente riservata a coloro di fede islamica. Rimane la questione della sua legalità dal momento che vietare o permettere l'entrata a uno stabilimento pubblico a una persona in base alla sua fede religiosa è ovviamente illegale.  

Fonte

Guarda anche 

In strada con il coltello al grido di "Allah akbar", la polizia gli spara

Un estremista islamico armato di coltello è stato ferito domenica a Metz, in Francia, secondo quanto riferiscono i media francesi. L'uomo camminava per la stra...
06.01.2020
Mondo

La Posta e le FFS permettono ai loro dipendenti di portare il velo islamico

In una delle filiali della Posta del canton San Gallo, a servire i clienti vi è anche una donna che indossa il velo islamico. "Abbiamo autorizzato la dipen...
31.12.2019
Svizzera

"Mia nonna è una scrofa inquinante", la canzone pro-clima cantata da bambini tedeschi e diffusa dalla TV pubblica

"Mia nonna è una scrofa inquinante" non sono, probabilmente, le parole che ci aspetta vengano pronunciate da un bambino. E ancora meno che questa frase f...
30.12.2019
Mondo

I Verdi tedeschi vogliono che i "rifugiati del clima" possano trasferirsi nei paesi occidentali

Chiunque abiti in una zona vicina al mare potrà presto trasferirsi in Germania? Sì, almeno secondo i Verdi tedeschi, i quali sostengono che intere popolazio...
23.12.2019
Mondo