Ticino, 15 novembre 2019

Aspirante avvocatessa italiana chiede un risarcimento danni all'Urc

Una giovane italiana - laureatasi in giurisprudenza in Italia nel 2014 ma non ancora avvocatessa - si è arrabbiata perché l’Ufficio regionale di collocamento (Urc) si è rifiutato di inserirla in un provvedimento inerente al mercato del lavoro ed è arrivata addirittura a chiedere un risarcimento per il presunto danno subito. Ma il suo ardito tentativo si è scontrato contro la legge, quella legge ribadita a chiare lettere dal Tribunale cantonale delle assicurazioni.

Nella sentenza pubblicata giovedì si legge: “Occorre del resto possedere un valido permesso per lavorare in Svizzera pure per beneficiare dell’assegnazione di una delle misure contemplate nella Legge sul rilancio dell’occupazione e sul sostegno ai disoccupati”. Un principio basilare che dovrebbe essere chiaro a qualsiasi persona laureata in giurisprudenza e non.

Evidentemente non era così per la cittadina italiana, cui tra l’altro era stato revocato il permesso B. Ci è voluto il Tribunale cantonale delle assicurazioni per confermarle che no, non può beneficiare dei provvedimenti a favore dei disoccupati, tantomeno pretendere un risarcimento per il presunto danno che le avrebbe causato la decisione dell’Urc. 


Guarda anche 

TAF giudica nuova legge sul canone anticostituzionale, chiesti cambiamenti

Il sistema di riscossione del canone radioTV è contrario alla Costituzione, perché crea disuguaglianze troppo grandi. Il Tribunale amministrativo federale i...
14.12.2019
Svizzera

SEM obbligata a concedere l'asilo a un militante curdo in assistenza alloggiato a Locarno

La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) è stata obbligata dal Tribunale amministrativo federale a concedere l’asilo a un cittadino turco di etnia curda...
13.12.2019
Svizzera

Espulso nonostante vivesse in Ticino da 26 anni

A nulla è valso il ricorso presentato dall’avvocato Yasar Ravi al Tribunale federale. A nulla è valso sostenere che se dovesse tornare in patria non p...
12.12.2019
Ticino

Accusava la famiglia di aver abusato di lei, nessuna condanna

Aveva denunciato il padre e il fratello per aver abusato sessualmente di lei, e la madre per aver lasciato fare. Ma alla fine sono stati tutti dichiarati innocenti per ma...
12.12.2019
Svizzera