Ticino, 15 novembre 2019

Aspirante avvocatessa italiana chiede un risarcimento danni all'Urc

Una giovane italiana - laureatasi in giurisprudenza in Italia nel 2014 ma non ancora avvocatessa - si è arrabbiata perché l’Ufficio regionale di collocamento (Urc) si è rifiutato di inserirla in un provvedimento inerente al mercato del lavoro ed è arrivata addirittura a chiedere un risarcimento per il presunto danno subito. Ma il suo ardito tentativo si è scontrato contro la legge, quella legge ribadita a chiare lettere dal Tribunale cantonale delle assicurazioni.

Nella sentenza pubblicata giovedì si legge: “Occorre del resto possedere un valido permesso per lavorare in Svizzera pure per beneficiare dell’assegnazione di una delle misure contemplate nella Legge sul rilancio dell’occupazione e sul sostegno ai disoccupati”. Un principio basilare che dovrebbe essere chiaro a qualsiasi persona laureata in giurisprudenza e non.

Evidentemente non era così per la cittadina italiana, cui tra l’altro era stato revocato il permesso B. Ci è voluto il Tribunale cantonale delle assicurazioni per confermarle che no, non può beneficiare dei provvedimenti a favore dei disoccupati, tantomeno pretendere un risarcimento per il presunto danno che le avrebbe causato la decisione dell’Urc. 


Guarda anche 

Prima preghiera islamica a Santa Sofia dopo 86 anni

Diverse migliaia di musulmani hanno partecipato venerdì a Istanbul, alla presenza del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, alla prima preghiera dentro e fuori al...
25.07.2020
Mondo

Condannati in 10 per lo stupro di gruppo di una ragazza in Germania

La giustizia tedesca ha condannato giovedì otto uomini, la maggior parte dei quali rifugiati, a diversi anni di prigione per lo stupro di gruppo di una giovane don...
24.07.2020
Mondo

Se i genitori sono in disaccordo sulla vaccinazione dei figli, le autorità possono imporla

In una sentenza pubblicata mercoledì, il secondo tribunale civile ha detto che i genitori dovrebbero lavorare insieme per risolvere le questioni relative ai bambin...
16.07.2020
Svizzera

Richiedenti l'asilo fanno ricorso perchè non hanno ricevuto la paghetta, "giusto così"

Il Tribunale amministrativo federale ha respinto il ricorso di una famiglia di richiedenti l'asilo macedoni privati della paghetta durante il loro soggiorno in Svizze...
16.07.2020
Svizzera