Sport, 14 novembre 2019

Primi mugugni e malcontenti dalla parti della Cornér Arena. Cosa non va nel Lugano?

4 sconfitte consecutive e sole 3 reti segnate negli ultimi 180’: i bianconeri stanno attraversando il peggior momento in quest’avvio di campionato

LUGANO – Qualche mugugno, seppur flebile, tra i sostenitori del Lugano si è iniziato a sentire martedì sera. Forse la sosta per la Nazionale e l’attesa del ritorno del campionato avrà inciso, ma è innegabile che la bruttissima prestazione offerta all’Hallenstadion dai bianconeri ha inciso molto sull’umore anche di alcuni supporters affezionati a quei colori.

Per la prima volta in stagione il Lugano ha incassato 4 sconfitte consecutive: se alcune sono state tirate e decise dai dettagli – come il derby casalingo dello scorso 26 ottobre, o come la sfida interna contro il Bienne – la stessa cosa non si può dire per il KO di Ginevra e per l’impalpabile scesa in pista di Zurigo. Una vera e propria lezione, una scoppola brutta sia da vedere che da digerire per i tifosi di Chiesa e compagni, ma siamo sicuri che anche gli stessi giocatori non possono essere felici di quanto mostrato soltanto poche ore fa.

Fatta eccezione per il derby perso ai rigori, i bianconeri hanno davvero faticato a esprimere il loro gioco, quel gioco che nella prima parte della stagione aveva permesso ai ragazzi di Kapanen di ben impressionare e di raccogliere anche successi importanti contro Zugo, Berna e li stessi Lions. Qualcosa sembra essersi inceppato sia per quanto riguarda il game plan, sia per quanto concerne i singoli: se Loeffel e Suri fanno fatica da inizio stagione, anche il casco giallo Klasen sembra aver perso di lucidità e di qualità, così come tutti gli altri stranieri.

La conseguenza? È molto logica. Il Lugano nelle ultime tre sfide ha incassato la bellezza di 13 reti e ne ha siglate soltanto 3. I bianconeri hanno sciupato occasioni importanti, come il lunghissimo 5 contro 3 dell’Hallenstadion, e spesso non sono mai stati in partita.

Kapanen prima di Zurigo aveva sottolineato che avrebbe voluto capire a che punto fosse il suo Lugano: la risposta giunta dall’Hallenstadion, sicuramente, non deve averlo soddisfatto.

Guarda anche 

Tante parole ma pochi fatti: il Lugano resta a Renzetti?

LUGANO – La data fatidica si avvicina, lunedì stando alle parole rilasciate da Angelo Renzetti al “CdT”, ma nulla di nuovo sembra muoversi dalle ...
13.12.2019
Sport

Ma che bella Svizzera! La Nazionale di Fischer fa sognare

VISP – Se ne sta parlando poco, forse troppo poco, visto il campionato in essere e le difficoltà palesate fin qui da Lugano e Ambrì – per restar...
13.12.2019
Sport

La beffa finale arriva al 94’: ciao ciao Europa League

KYEV (Ucraina) – Alla fine è terminata con un altro pareggio, con un altro piccolo punticino per il Lugano la campagna europea dell’Europa League 2019/...
13.12.2019
Sport

Ciao ciao Ambrì: Manzato va al Ginevra

AMBRÌ - Questa sarà la seconda e ultima stagione di Daniel Manzato con la maglia dell'Ambrì: l'ex portiere del Lugano, infatti, si è l...
12.12.2019
Sport