Sport, 14 novembre 2019

Primi mugugni e malcontenti dalla parti della Cornér Arena. Cosa non va nel Lugano?

4 sconfitte consecutive e sole 3 reti segnate negli ultimi 180’: i bianconeri stanno attraversando il peggior momento in quest’avvio di campionato

LUGANO – Qualche mugugno, seppur flebile, tra i sostenitori del Lugano si è iniziato a sentire martedì sera. Forse la sosta per la Nazionale e l’attesa del ritorno del campionato avrà inciso, ma è innegabile che la bruttissima prestazione offerta all’Hallenstadion dai bianconeri ha inciso molto sull’umore anche di alcuni supporters affezionati a quei colori.

Per la prima volta in stagione il Lugano ha incassato 4 sconfitte consecutive: se alcune sono state tirate e decise dai dettagli – come il derby casalingo dello scorso 26 ottobre, o come la sfida interna contro il Bienne – la stessa cosa non si può dire per il KO di Ginevra e per l’impalpabile scesa in pista di Zurigo. Una vera e propria lezione, una scoppola brutta sia da vedere che da digerire per i tifosi di Chiesa e compagni, ma siamo sicuri che anche gli stessi giocatori non possono essere felici di quanto mostrato soltanto poche ore fa.

Fatta eccezione per il derby perso ai rigori, i bianconeri hanno davvero faticato a esprimere il loro gioco, quel gioco che nella prima parte della stagione aveva permesso ai ragazzi di Kapanen di ben impressionare e di raccogliere anche successi importanti contro Zugo, Berna e li stessi Lions. Qualcosa sembra essersi inceppato sia per quanto riguarda il game plan, sia per quanto concerne i singoli: se Loeffel e Suri fanno fatica da inizio stagione, anche il casco giallo Klasen sembra aver perso di lucidità e di qualità, così come tutti gli altri stranieri.

La conseguenza? È molto logica. Il Lugano nelle ultime tre sfide ha incassato la bellezza di 13 reti e ne ha siglate soltanto 3. I bianconeri hanno sciupato occasioni importanti, come il lunghissimo 5 contro 3 dell’Hallenstadion, e spesso non sono mai stati in partita.

Kapanen prima di Zurigo aveva sottolineato che avrebbe voluto capire a che punto fosse il suo Lugano: la risposta giunta dall’Hallenstadion, sicuramente, non deve averlo soddisfatto.

Guarda anche 

1'000 spettatori sulle tribune: siamo alla resa dei conti?

BERNA – In un clima sempre più del terrore, fatto di numeri (a volte non esattamente chiari), di futuro incerto e di un presente non limpido, la decisione pr...
19.10.2020
Sport

“Futuro tutto da scrivere Certo, la National League…"

BIASCA - È un ragazzo semplice, Loïc Vedova. Figlio di una terra di emigrati e di gente stoica come la Vallemaggia, sin da bambino ha cullato i...
19.10.2020
Sport

Una zona Cesarini che salva il Lugano

VADUZ - Marcis Oss, giocatore lettone cresciuto nello Spartaks e prestato allo Xamax nelle ultime due stagioni, ieri sera ha vestito i pan...
18.10.2020
Sport

Casinò Lugano “Giochiamo a tutto ma non con la salute”!

Dopo il lockdown della scorsa primavera il Casinò Lugano ha coniato un fortunato slogan che in questi mesi è diventato virale tanto...
17.10.2020
Ticino