Sport, 11 novembre 2019

DDR, la caduta del Muro e la fine del doping di stato

Sabato 9 novembre: 30 anni esatti dalla caduta di un emblema dell'Europa del XX secolo

Trent’anni fa cadeva il Muro di Berlino. Era il 9 novembre e questa data segna uno degli eventi più importanti della storia moderna dell’umanità: la fine della divisione del mondo fra l’Est comunista e l’Ovest e della dittatura sovietica sui paesi satelliti, DDR compresa. Il crollo di quell’orrendo simbolo innescò tutta una serie di eventi, fra i quali la riunificazione della Germania, bruscamente separata dalla costruzione del Muro nel 1961.

E fu proprio in quel periodo buio, dagli inizi degli Anni Sessanta al 1989, che nella Repubblica Democratica Tedesca (che di democratico non aveva nulla!) nacque e prosperò uno dei più grandi imbrogli della storia dello sport, ossia il doping di stato, propugnato, alimentato e “protetto” da grigi e implacabili funzionari della Berlino comunista e della Stasi, la famigerata polizia segreta. Secondo le statistiche ufficiali la DDR fece incetta di medaglie nelle manifestazioni olimpiche, superando quota 500, numeri impensabili per una piccola nazione come quella.

Nonostante la cancellazione di numerosi documenti compromettenti, nel 2005 fu ricostruito il meccanismo perverso di cui sopra. Grandi atleti per una grande nazione: lo slogan dei capi della DDR era stato smascherato! Peccato che a pagarne non furono gli ideatori ma gli esecutori (atleti soprattutto atlete del sistema).

Guarda anche 

Auto sulla folla a Berlino, almeno quattro morti

Quattro persone, tra cui un bambino di quattro anni, sono rimaste uccise venerdì sera a Berlino dopo che una macchina ha invaso il marciapiede della strada in cui ...
07.09.2019
Mondo

Berlino, rissa tra clan arabi in pieno giorno (VIDEO)

Numerose risse sono scoppiate nel quartiere Neukölln di Berlino nelle ultime settimane, risse che hanno messo in allerta i servizi di sicurezza della capitale. La...
02.09.2019
Mondo

La Slovenia costruirà un muro contro i clandestini, "l'immigrazione illegale si sta diffondendo come un virus"

Diventata negli ultimi anni un paese di passaggio dell'immigrazione illegale sulla cosidetta “rotta Balcanica” la Slovenia starebbe preparando la costruzi...
26.08.2019
Mondo

Lapierre, il presente e il futuro è a Berlino

BERLINO (Germania) – Poco più di 24 ore dopo l’addio consensuale al Lugano, Maxim Lapierre ha già trovato una nuova squadra: l’ex biancone...
14.07.2019
Sport