Svizzera, 07 novembre 2019

Si presenta in un bar con una motosega e minaccia i presenti, dovrà andare in carcere e farsi curare

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un uomo condannato per aver brandito una motosega in un bar di Sciaffusa. Era stato condannato a 15 mesi, e dovrà inoltre seguire misure terapeutiche stazionarie.

Nell'agosto 2017, il ricorrente era stato espulso da un bar. Era tornato allo stabilimento armato di una motosega a batteria e l'aveva brandita, con il motore acceso, in direzione di diverse persone.

In una sentenza emessa mercoledì, il Tribunale conferma la sentenza pronunciata dal tribunale cantonale di Sciaffusa. Luomo riteneva di meritare solamente una condanna sospesa. Inoltre contestava le misure terapeutiche stazionarie.

I giudici di Mon Repos hanno respinto la denuncia di violazione del diritto di partecipare al procedimento. Il ricorrente si era lamentato di non aver assistito alle udienze dei testimoni e dei denuncianti perché il suo primo avvocato d'ufficio (ne aveva cambiati diversi) non lo aveva informato.

Il Tribunale federale rileva che l'avvocato ha partecipato a tutte le udienze senza chiedere la partecipazione del suo cliente. Allo stesso modo, gli altri difensori non hanno rivendicato una violazione del diritto al confronto. In tali circostanze, sollevare questo argomento in appello viola il principio di buona fede.

Per il tribunale penale, il crimine di minacce - e non di tentativo - è chiaramente realizzato. L'uso di una motosega in funzione era una seria minaccia, spaventando i presenti. Tanto più da quando, poche settimane prima, a Sciaffusa era avvenuta un'aggressione con una motosega contro una cassa malati.

Guarda anche 

La Svizzera dovrà dare all'Italia i dati bancari di due contribuenti italiani

Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha respinto il ricorso di due contribuenti italiani che si opponevamo alla trasmissione dei loro dati bancari a Roma. Questa ri...
15.01.2021
Svizzera

Condannato sia in Italia sia in Svizzera, ma il TRAM lo perdona

Aveva omesso di segnalare nell’autocertificazione di essere già stato condannato in Italia a una pena di 20 mesi di reclusione. In più durante la sua ...
14.01.2021
Ticino

La vittima della sparatoria di Giornico deve tornare a casa sua

Dovrebbe lasciare la Svizzera il 32enne richiedente l’asilo pachistano che nel 2017 rimase ferito in una sparatoria nei boschi sopra Giornico. Il Tribunale amminist...
14.01.2021
Ticino

"La tassa militare è discriminatoria", la Svizzera condannata dalla CEDU

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) si è pronunciata a favore di un cittadino svizzero ritenuto inabile al servizio che si era opposto alla tassa mil...
12.01.2021
Svizzera