Sport, 27 ottobre 2019

“Battere lo Zugo e il Berna: capiamo che siamo sulla strada giusta”. Lugano, parla Chiesa

Il capitano dei bianconeri ha parlato dopo la vittoria dei ticinesi sui Tori: il derby di martedì è decisamente lanciato

LUGANO – Bello, convincente e lottatore: il Lugano ieri sera ha ottenuto un successo prezioso, importante e utile per il morale superando in casa lo straforito Zugo. Nella partita dei tanti ex, Hofmann su tutti, a deciderla per i bianconeri sono stati proprio… due ex Tori, Alessio Bertaggia e Dominic Lammer, quest’ultimo imbeccato all’overtime da uno splendido Klasen uscito anche leggermente zoppicante per una discata ricevuta a pochi minuti dal 60’.

“È stata una buona partita, nonostante i problemi avuti nel secondo tempo, ma sapevamo che avremmo potuto soffrire – ha dichiarato il capitano, Alessandro Chiesa – Loro sono molto bravi in attacco, lo avevamo messo in preventivo di poter soffrire nella zona, abbiamo lavorato duro e abbiamo concesso relativamente poco. Questa vittoria era importante perché ci mancava da un bel po’ qui davanti al nostro pubblico”.

Lo Zugo ha mostrato un bell’hockey offensivo, quando era in possesso del disco riusciva spesso a fare grande pressione…
In realtà era una cosa voluta. Loro creano molta confusione nello slot, si muovono tanto e per noi
cinque diventa complicato giocare aggressivi: quindi abbiamo deciso di proteggere la parte centrale e di lasciarli girare al largo. Così siamo stati molto ordinati.

I Tori vengono accreditati dei favori del pronostico per la vittoria finale. Eppure avete colto un punto alla Bossard Arena e questa vittoria alla Cornér Arena. Sono risultati che aiutano anche il morale…
Stiamo migliorando partita dopo partita, ci sono alti e bassi e abbiamo attraversato un momento complicato in cui non arrivavano né i risultati né il gioco che vogliamo proporre. Ma crediamo tanto in quello che facciamo: quando riusciamo a seguire il nostro piano di gioco arrivano queste vittorie importanti, così come lo è stata quella di Berna. Questa è la strada giusta.

Credete in quello che Kapanen vi chiede: quanta fatica fisica vi costa pattinare così tanto anche in avanti?
È un altro hockey, questo è innegabile. Per questo ognuno di noi ha molti più cambi durante la partita e ognuno di questo è molto più breve del passato. È l’unico modo per poter reggere il ritmo per 60’.

Guarda anche 

L’HCL non si sblocca: è un 2022 da 0 in classifica

LUGANO – Non c’è proprio nulla da fare: la pausa natalizia, condita dal covid che ha condizionato e non poco la ripresa delle attività, ha inter...
17.01.2022
Sport

Influencer rischia il carcere… per una foto hot davanti a una chiesa

MOSCA (Russia) – Ha anche cancellato il suo profilo Instagram ma non è servito a nulla: l’influencer russa Polina Murugina, autrice dello scatto hot da...
16.01.2022
Magazine

HCL, le gambe e la testa ci sono. La classifica? Colpa del passato…

LUGANO – Certo, il risultato non ha proprio sorriso al Lugano mercoledì sera, quando i ragazzi di McSorley hanno dovuto cedere il passo allo Zurigo in una sf...
14.01.2022
Sport

Hofmann snobba Columbus e torna a Zugo

ZUGO – È ormai cosa fatta: Gregory Hofmann torna a giocare in Svizzera dicendo addio al sogno NHL. L’ex bianconero, infatti, ha deciso di lasciare per ...
11.01.2022
Sport