Svizzera, 24 ottobre 2019

Partita in Siria, rischia di perdere il passaporto svizzero

Una donna di 30 anni che apparentemente vive in Siria potrebbe presto perdere la cittadinanza svizzera. Il Segretariato di Stato per la migrazione (SEM) ha avviato una procedura per il ritiro della cittadinanza contro di lei, che oltre a quella svizzera ha anche la cittadinanza francese e tunisina.

La SEM ha pubblicato queste informazioni nell'ultimo foglio ufficiale della Confederazione. La legge sull'acquisizione e la perdita della nazionalità prevede il ritiro se la condotta della persona naturalizzata "è gravemente pregiudizievole per gli interessi o la reputazione della Svizzera". Ciò
vale in particolare "se la persona commette un reato grave in relazione ad attività terroristiche", secondo l'ordinanza sulla nazionalità svizzera. In questo caso, non viene però specificato quali sarebbero stati gli che giustificano il ritiro del passaporto.

Ma "per quanto ne sappiamo, questa persona sarebbe in Siria", ha detto mercoledì all'agenzia Keystone-ATS Lukas Rieder, portavoce del SEM, confermando le informazioni fornite dalla RTS. Il ritiro non è ancora definitivo, in quanto la diretta interessata ha ancora un mese per opporsi.

Guarda anche 

"Accogliere i migranti di Moria significa incoraggiare la distruzione di altri centri profughi"

Il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri in un'interpellanza al Consiglio federale chiede che la Svizzera non accolga migranti dall'isola di Lesbo per "non in...
16.09.2020
Svizzera

Una legge che riguarda tutti

La legge sulla caccia non è fatta “per i cacciatori”, né quella sulla pesca “per i pescatori” (non più di quanto la legge sco...
07.09.2020
Ticino

Pauli Schönwetter è sicuro: “Sivzzera-Germania sarà una partita rognosa”

BASILEA - Pauli Schönwetter, già allenatore di Locarno, Bellinzona, Lugano e Chiasso, segue sempre con grande attenzione le vicende calcistiche dell...
06.09.2020
Sport

La Svizzera "esporta" estremisti di sinistra in Siria

“Una dozzina di estremisti di sinistra svizzeri inclini alla violenza si sono recati in Siria, alcuni anche più di una volta”. Il Consiglio federale, r...
29.08.2020
Svizzera