Sport, 26 settembre 2019

“Avevo già scritto il mio testamento: stavo morendo”. Ora è campione d’Europa

Il difensore del Liverpool Van Dijk ha rivelato che nel 2012 in seguito a una peritonite il suo destino sembrava segnato

LIVERPOOL (Gbr) – In questo momento è forse il difensore più forte al mondo, capace di vincere la Champions League senza subire neanche un dribbling, ripagando così gli sforzi del Liverpool che dovette versare una somma enorme nelle casse del Southampton per acquistarlo. Ma Virgil van Dijk non è solo questo e lo ha raccontato di persona, facendo riferimento a quanto avvenuto nel 2012.

Soffrì di un’appendicite, che sfociò in una peritonite fino ad arrivare a un’infezione renale, dopo aver sofferto un forte dolore addominale. In ospedale venne operato la sua situazione sembrava ormai compromessa: “Sono andato vicino a morire, in quel momento ho pensato al peggio e cominciai a scrivere il mio testamento”, ha raccontato.

Allora l’olandese militava nel Groningen e non era certo così conosciuto come adesso. “Nella stragrande maggioranza dei casi come quello il paziente muore e io ero lì che non potevo fare nulla. Nel caso fossi morto avrei destinato una parte dei soldi a mia mamma. Nessuno voleva parlare della mia fine, ma dovevo farlo”.

Guarda anche 

Con mascherine e guanti: il campionato continua!

MANAGUA (Nicaragua) – Mentre in giro per il mondo praticamente tutti i campionati di calcio sono stati sospesi – in Europa fa eccezione al Bielorussia –...
26.03.2020
Sport

“Il coronavirus: come un camion che ti investe. Eroi chi vive in 70mq con tre figli”

BIRMINGHAM (Gbr) – “Ho avuto i primi sintomi settimana scorsa, sono stati giorni difficili in cui ho preso ogni precauzione per non contagiare chi vive con me...
24.03.2020
Sport

Birra in comune e metro affollata: Atalanta-Valencia ha dato il via al contagio incontrollato in Lombardia

BERGAMO (Italia) – È senza dubbio la zona d’Italia più colpita dal coronavirus, quella in cui si contano più infettati e, purtroppo, anch...
22.03.2020
Sport

Coronavirus. In Bielorussia il campionato è partito a porte aperte. Il rimedio? “Bevete tanta vodka e fate la sauna!”

MINSK (Bielorussia) – Fa quasi impressione a dirlo, ma in Bielorussia neanche il coronavirus ferma il calcio: nonostante 51 casi di positività al COVID-19, i...
20.03.2020
Sport