Sport, 22 settembre 2019

Il Lugano non vince più: col Lucerna arriva un punticino

A Cornaredo è finita 1-1: dopo un primo tempo incolore e troppo brutto per essere vero, i ragazzi di Celestini hanno reagito ma non sono riusciti a ottenere la posta piena che manca dalla prima giornata

LUGANO – Dopo la buona prestazione offerta a Copenaghen, che ha ridato morale alla squadra ma non ha permesso al Lugano di interrompere l’infinita striscia di sconfitte consecutive, questo pomeriggio i bianconeri sono tornati a tuffarsi nel clima del campionato, col chiaro obiettivo di ottenere punti in casa contro il Lucerna. Per l’occasione Celestini ha deciso di schierare Junior e Holender in attacco, con Aratore a supporto, mettendo una difesa a 4 a protezione di Baumann.

Le scelte e le motivazioni positive della vigilia, però, si sono scontrare con la realtà già dai primi secondi del match: dopo l’occasione clamorosa sbagliata da Margiotta e il vantaggio illusorio di Junior su azione d’angolo (4’), il Lugano non si è praticamente mai visto nel primo tempo. È stato il Lucerna a imperversare nell’area di rigore di una squadra, quella bianconera, apparsa in difficoltà, a immagine di un Kecskes impreciso e di un Daprelà, capace di regalare a Margiotta la palla della rete del pareggio (28’). E il Lugano? Impalpabile, con Junior costretto quasi a fare il terzino e con Holender a sbattersi a destra e a sinistra per toccare un pallone: pallone che al 45’ avrebbe potuto portare all’immeritato secondo vantaggio, se solo Sabbatini avesse trovato il diagonale giusto.

Il thé caldo della pausa, evidentemente, è riuscito a ridare energie e idee al Lugano che nel secondo tempo è tornato a entusiasmare a tratti Cornaredo e la maggior parte dei 3112 spettatori. Il Lucerna ha perso brio e metri di campo, i bianconeri sono cresciuti, hanno dato intensità e qualità alle giocate, creandosi diverse potenziali occasioni da rete. Tanto fumo e niente arrosto, verrebbe da dire, visto che l’occasione più grande è capitata sul piede di Ndaye: solo un perfetto intervento di Baumann è riuscito a togliere le castagne dal fuoco e a evitare quel capitombolo che sarebbe costato tantissimo, forse troppo.

Così, dopo quattro KO consecutivi in campionato, è arrivato un punto che muove sì la classifica ma che non la migliora più di tanto. Ci sarà da soffrire, e questo lo si sapeva, ma ci sarà da capire anche se questo punto salverà la panchina di Celestini, o il brutto primo tempo offerto dai suoi sarà il suo punto di non ritorno.

LUGANO-LUCERNA 1-1 (1-1)
Reti:
4’ Junior 1-0; 28’ Margiotta 1-1
LUGANO: Baumann; Lavanchy, Kecskes, Maric, Daprel; Custodio, Sabbatini, Vecsei (69’ Lovric); Aratore (62’ Dalmonte); Junior, Holender (85’ Gerndt).
Note: Cornaredo, 3112 spettatori.

Guarda anche 

Tredicesima AVS: a Lugano avrebbe potuto essere realtà dal 2009

Sono passati quasi 11 anni dal 10 febbraio 2009. Quella sera, dopo oltre tre ore di dibattito, il triciclo PLR-PPD-PSS in Consiglio comunale di Lugano affossò il M...
25.01.2020
Opinioni

Il nuovo acquisto del campionato di terza divisione: ha 75 anni!

IL CAIRO (Egitto) – Qualche giorno fa Kazuyoshi Miura aveva stupito tutti, rinnovando il suo contratto con l’FC Yokohama a 53 anni: il rinnovo dell’ex g...
24.01.2020
Sport

GALLERY – In campo trascina il Milan, fuori Theo infiamma Elisa

MILANO (Italia) – Sta facendo le fortune di Stefano Pioli e di tanti fantallenatori: Theo Hernandez, fin qui, è il capocannoniere del Milan: da terzino sinis...
23.01.2020
Sport

Tu chiamale follie da calendario: in LNA una classifica che non rispecchia la realtà

LUGANO – 55 punti in 40 partite, 6° posto in campionato: se il bottino ottenuto fin qui in campionato dal Lugano non è certo da montarsi la testa, la pos...
23.01.2020
Sport