Sport, 18 settembre 2019

Vauclair striglia il Lugano: “Non molliamo fino alla fine, ma certi errori…”

Il difensore bianconero ha analizzato l’avvio stagionale della compagine bianconera ancora ferma a 0 punti dopo 2 partite

LUGANO- 2 partite casalinghe e 2 sconfitte. Non è certamente partito nel migliore dei modi il campionato del Lugano che davanti a sé vede le complicatissime sfide contro lo Zugo e il Berna. Losanna prima e Davos dopo sono giunti alla Cornèr Arena facendo ritorno a casa col bottino pieno. Fino ad ora il gioco richiesto da Kapanen, acquisito solo in parte dalla squadra, non sta dando ancora i suoi frutti, ma nelle fila dei bianconeri non è l’unica cosa che ancora manca. Gli stranieri fino ad ora non riescono a incidere, la tenuta fisica sembra ancora mancare, così come la lucidità mentale.

Nonostante questo Julien Vauclair guarda con fiducia al presente e al futuro prossimo. “Contro il Davos nella prima metà del match abbiamo giocato molto bene ed è mancata solo la rete – ha esordito il numero 3 dei sottocenerini – Ci siamo creati diverse occasioni per raddoppiare non riuscendoci, subendo invece quei due gol di Wieser che ci hanno costretto a inseguire sia nel risultato che nel gioco”.

Le sfide giocate fin qui si somigliano molto: siete andati in vantaggio per primi, ma una volta raggiunti non siete stati in grado di reagire e di tenere fisicamente…
Il Losanna sotto per 0-2 ha dovuto innalzare il loro livello di gioco per provare a farci male. Ci sono riusciti con qualche disco sporco: non siamo stati in grado in quei frangenti di tenere il nostro uomo. Dobbiamo assolutamente difendere meglio in questi momenti quando i nostri avversari provano il tutto per tutto per rientrare in partita. Sono i dettagli a fare la differenza, non credo che sia un fattore fisico.

Cosa prendete di buono da questi primi 120’ e cosa dovete migliorare?
Non abbiamo mai mollato, abbiamo sempre provato a rientrare nel match. Contro il Davos ci eravamo riusciti e poi abbiamo incassato una penalità banalissima ritrovandoci in 7 sul ghiaccio. Questi dettagli vanno cambiati e migliorati, in questo momento ci girano contro, ma lavorando sicuramente il verso cambierà.

La strada intrapresa però è quella giusta?
Penso di sì, stiamo seguendo il sistema di gioco richiesto, ma gli errori sono dietro l’angolo. Chiaro non volevamo iniziare così, ma abbiamo altre 48 partite: dobbiamo analizzare il tutto senza pensarci troppo.

Guarda anche 

L’FC Lugano calma le acque: “Migliorano le condizioni di Renzetti”

LUGANO – Dopo le dichiarazioni rilasciate al “Blick” dal diretto interessato, l’FC Lugano ha rilasciato un comunicato in merito alle condizioni di...
25.10.2020
Sport

Renzetti spaventa tutti: “Non riuscivo a camminare. Dovevo appoggiarmi al muro: mi hanno ricoverato”

LUGANO – Lunedì 12 ottobre l’FC Lugano ha comunicato che il presidente Angelo Renzetti era risultato positivo al coronavirus. Dopo quella notizia si &e...
25.10.2020
Sport

Lugano pazzesco: cade la capolista

LUGANO - Dati e numeri che autorizzano a sognare o quanto meno a…fantasticare. Il Lugano batte la capolista San Gallo (1-0, rete di Lavanc...
25.10.2020
Sport

Lugano: una ripartenza dalla quarantena che fa sorridere

LUGANO – Ebbene sì: dopo una quarantena per Covid si può ripartire. Magari con gli stessi pregi e difetti di prima, magari con una tenuta fisica non p...
25.10.2020
Sport