Mondo, 17 settembre 2019

Milano, accoltella un militare alla stazione Centrale urlando "Allah akbar!"

Nella mattinata di oggi, martedì, un cittadino dello Yemen ha aggredito alle spalle un militare davanti alla stazione centrale di Milano, pugnalandolo alla gola.

L'uomo è stato subito fermato e arrestato da carabinieri presenti nelle vicinanze. Al momento dell'arresto si è messo a urlare più volte "Allah Akbar! Allah Akbar!".

L'episodio è avvenuto nel piazzale Duca D’Aosta, come detto davanti alla stazione centrale del capoluogo lombardo. L'aggressore si è servito di un paio di forbici per colpire il militare, in servizio per mantenere l'ordine. Ferito al collo, è stato medicato sul posto dal personale medico giunto poco dopo e in seguito trasportato all'ospedale. Le sue condizioni non sarebbero gravi e non sarebbe in pericolo di vita.

Secondo quanto riporta "il giornale", l'autore dell'aggressione aveva già precedenti a suo carico per minacce e resistenza a pubblico ufficiale. Gli inquirenti stanno ora valutando se si sia trattato del gesto di uno squilibrato o di un attacco terroristico.

Guarda anche 

Un altro centinaio di migranti fugge dalla quarantena, "così non si può continuare"

Non ha fine l'emergenza migranti senza fine in Sicilia con gli sbarchi che si moltiplicano e le autorità che non riescono a far fronte alla situazione, situazi...
27.07.2020
Mondo

Prima preghiera islamica a Santa Sofia dopo 86 anni

Diverse migliaia di musulmani hanno partecipato venerdì a Istanbul, alla presenza del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, alla prima preghiera dentro e fuori al...
25.07.2020
Mondo

In provincia di Perugia decine di migranti fuggono dalla quarantena

Continua a preoccupare in Italia la gestione del sistema di asilo, complicata dalla pandemia e dalla necessità di applicare, e far rispettare, le nuove disposizion...
20.07.2020
Mondo

Per politici e giornalisti il libro Stop Islam di Magdi Allam

Lo scorso anno il fondatore del movimento politico “Il Guastafeste”, Giorgio Ghiringhelli, aveva inviato ai 90 deputati in Gran Consiglio una copia del libro ...
20.07.2020
Svizzera