Mondo, 14 settembre 2019

Svezia, rapper nero chiama a uccidere i bianchi. "Se un bianco vi da fastidio uccidetelo", "prenderemo le loro mogli"

"Se un bianco ti sta dando fastidio, uccidilo", è il consiglio di JCBUZ, un rapper piuttosto popolare in Svezia, in un video pubblicato su Internet in un gruppo chiuso di Instagram, video diventato poi di pubblico dominio e che è rapidamente circolato sulla rete (è disponibile su YouTube qui, in svedese).

Nel video, il rapper di origine nigeriana Jesse Ekene Nweke Conable, che si fa chiamare JCBUZ, parla di supremazia nera e chiama gli altri neri a uccidere i bianchi. Una delle prime testate a riportare i propositi di Conable è stato il portale svedese "Samhällsnytt".

Secondo Samhällsnytt, l'account di Instagram Barasvarta ("Solo neri" in svedese) è aperto solo ai neri e conta centinaia di membri. È gestito dallo stesso Conable e presenta slogan come "Black Power in Sweden" e "F *** White People" (rispettivamente "potere ai neri" e "fott*amo i bianchi"). In uno dei video, il cantante invita i suoi "fratelli e sorelle neri" a "continuare la guerra", si presume contro la maggioranza bianca.

Secondo Conable, "noi neri" diventeremo "i numero uno e prenderemo il controllo di questi bianchi".

"Dato che questi bianchi ci hanno preso come schiavi, dovremmo a nostra volta renderli schiavi e trattarli ancora peggio", ha detto Conable nel video incriminato.
Secondo lui, i neri diventeranno "i migliori in tutto".

"Prenderemo le loro mogli e prenderemo i loro soldi", ha continuato Conable. "Siamo guerrieri africani, non sono al nostro livello".

In seguito all'articolo di Samhällsnytt, il rapper ha messo in guardia i suoi fan contro "una talpa tra di noi", che si è impegnato a "eliminare".

L'account YouTube di Jesse Ekene Nweke Conable, o JCBUZ, conta quasi 280'000 abbonati sui suoi due account YouTube. Questo 22enne era immigrato in Svezia dalla Nigeria nel 2008. Ora vive a Lund, nel sud del paese scandivano, e nel frattempo ha ottenuto la cittadinanza svedese.

Guarda anche 

Richiedente l'asilo picchia la compagna incinta per farla abortire, condannato (ma niente carcere né espulsione)

Un richiedente l'asilo iracheno è stato riconosciuto colpevole di lesioni semplici per aver picchiato ripetutamente la compagna incinta per farla abortire. Non...
13.01.2020
Svizzera

Spagna, migrante condannato a 12 anni di carcere per aver preso a sassate un omosessuale

Il tribunale superiore della giustizia della Catalogna (TSJC) ha confermato la condanna a dodici anni di carcere per un cittadino marocchino che aveva aggredito un omoses...
11.01.2020
Mondo

Giovane migrante ritrovata morta nel canton Vaud, arrestato un connazionale

Scomparsa da ormai più di 10 giorni, da venerdì 27 dicembre, la 17enne afgana Sara M. è stata ritrovata morta lunedì scorso a Yverdon, nel can...
08.01.2020
Svizzera

Erdogan esorta i turchi in Svizzera a non integrarsi e a rimanere fedeli alla Turchia

Martedì, alla sua apparizione ufficiale al Forum sui rifugiati di Ginevra, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si presentava come un leader diplomatico e conc...
28.12.2019
Svizzera