Svizzera, 26 agosto 2019

Pubblicava video di propaganda islamica, condanna annullata a turco residente in Ticino

Il tribunale federale ha annullato la condanna di un cittadino turco residente a Viganello ritenuto colpevole di aver pubblicato video di propaganda islamica su Internet. La condanna pronunciata dal Tribunale penale federale risale nal novembre 2018. L'uomo, sulla quarantina, aveva subito una condanna pecuniaria sospesa per aver pubblicato video violenti che ineggiano all'ISIS su Facebook.

In una sentenza pubblicata lunedì, i giudici di Mon Repos ritengono che la "motivazione di questa sentenza non è conforme ai requisiti" della legge sul Tribunale federale. Di conseguenza, la sentenza deve essere annullata e il caso deve essere rinviato al Tribunale penale federale (TPF).

Il 7 novembre 2018, il Tribunale penale della TPF aveva inflitto una multa di 240 aliquote giornaliere a 30 franchi, sospesa per due anni, contro l'imputato. Nei video da lui condivisi si vedevano scene di violenza estrema che mettevano in risalto lo stato islamico. Per questo il TPF aveva ritenuto che l'uomo avesse infranto la legge che vietava i gruppi legati ad al-Qaeda e allo Stato islamico (ISIS).

All'udienza, l'imputato si è dichiarato non colpevole. Ha spiegato che le scene di tortura sono state pubblicate per dissuadere altri dall'unirsi a questo gruppo. Inoltre ha sostenuto di non aver notato l'emblema dell'ISIS presente nei video di propaganda da lui pubblicati.

Guarda anche 

Dal 2015 almeno 104 terroristi sono arrivati in Europa grazie all'immigrazione illegale

Sono almeno 104 i terroristi, perlopiù jihadisti dell'ISIS, che sono entrati nel continente europeo tra il 2014 e il 2018 fondendosi con la massa di migranti e...
25.02.2020
Mondo

Gli svizzeri si sposano di meno e fanno meno figli, mentre aumentano i decessi

Sono sempre di meno le nascite in Svizzera, mentre diminuiscono i matrimoni e aumentano i decessi e i divorzi. Le nascite sono diminuite del 4,4% nel 2019 pari a 83'9...
24.02.2020
Svizzera

Due rapinatori ultraviolenti condannati a 16 e 14 anni di carcere

L'11 dicembre 2017, camminando nel cuore della notte in una via di Ginevra, un uomo era stato preso di mira da due delinquenti che volevano derubarlo. Armati di colte...
24.02.2020
Svizzera

Quasi la metà della popolazione svizzera vive in un'economia domestica indebitata

Fatture non saldate, leasing o ipoteche: oltre il 40% della popolazione svizzera nel 2017 viveva nel in una famiglia con almeno un debito. Le famiglie numerose, i disoccu...
18.02.2020
Svizzera