Sport, 29 agosto 2019

Bellinzona e il Galà dei Castelli: "Una crescita esponenziale, non vogliamo fermarci"

BELLINZONA - Per capire la portata del Galà dei Castelli, in programma domenica prossima 1 settembre nel rinnovato stadio Comunale di Bellinzona, basta dare una occhiata alla lista dei partecipanti e in particolare agli atleti che si batteranno sui 100 metri maschili: dal campione del mondo in carica e favorito ai prossimi Mondiali in Qatar Justin Gatlin, a Michael Rodgers, vincitore in Ticino lo scorso anno infine ad Asafa Powell e al talentuoso Divine Oduduru, il secondo più veloce dell’anno della specialità.

Un meeting, quello bellinzonese, che negli ultimi anni è cresciuto in modo esponenziale, raggiungendo un successo inatteso. Ne abbiamo parlato con uno delle “anime” della rassegna, Enrico Chico Cariboni, allenatore, monitore, direttore sportivo con Beat Magyar del meeting della Capitale nonché valido opinionista TV. Uno sportivo “puro” che ha segnato gli ultimi 20 anni del Gruppo Atletico Bellinzona.

Enrico Cariboni, il Gala dei Castelli ha ormai assunto una dimensione incredibile: sino a qualche anno fa impensabile. Cosa è successo? Come si è giunti a questa trasformazione?
Il Gala dei Castelli è cresciuto molto in questi anni ed in maniera costante per la professionalità e la serietà di tutto il suo apparato organizzativo. Grazie a questo tipo di conduzione tutti i nostri sponsor hanno creduto in noi e nel prodotto proposto in questi anni. Vincente anche il rispetto del rigore finanziario assunto dal comitato, e non da ultimo l’ottima collaborazione con tutti i manager.

A livello internazionale è certamente la manifestazione più importante che si svolge in Ticino e si trova a cavallo fra il meeting di Zurigo e il Memorial Van Damme di Bruxelles. A stretto contatto fra eventi “monstres”, insomma.
È un evento unico nel suo genere, e portare atleti del calibro di Gatlin, Powell, Reese, Perkovic e molti altri è un grandissimo privilegio per tutta la popolazione del Canton Ticino. Poter ammirare questi campioni dal vivo lo rende un evento unico nel suo genere. Quest’anno posizionato tra le due finali della Diamond League fa si che moltissimi big dell’atletica mondiale possono arrivare più facilmente al Comunale.

E dietro l’angolo ci sono poi i Mondiali in Qatar. Come dire: la data del primo settembre, una domenica, è decisamente azzeccata!
Sì: è da anni che guardavamo ad una domenica nel tardo pomeriggio come ottima possibilità di data, ma la cosa più difficile è trovare quella giusta! Perché ci sono molte manifestazioni nel mondo oltre la nostra e tutto è condizionato da questi eventi, dai campionati mondiali, dalle Olimpiadi, dai trials e dai meetings della Diamond League e così via… Sono sicuro che la data 1 settembre 2019 sia molto azzeccata!

Cosa cambia per voi, per gli atleti e anche per il pubblico un meeting di domenica?
Per noi è più facile reclutare i volontari che sono circa 250 persone e qui voglio ringraziare tantissimo il GAB Bellinzona che ci mette a disposizione tutti i giurati sul campo, e all’associazione Nez Rouge per tutto il gruppo di autisti che si recano nei vari aeroporti per i trasporti (circa 7000 km). Per gli atleti non cambia molto, invece per il pubblico la domenica è molto interessante specialmente per coloro che solitamente lavorano e quindi hanno meno tempo per organizzarsi in settimana per raggiungere il Comunale. Ed infine per le famiglie è un ottima occasione perché il Meeting termina alle 20.30 e quindi anche per i più piccoli un ottimo orario, e appunto per loro abbiamo pensato ad un pacchetto famiglia che con 30 franchi dà diritto all’entrata a due adulti e a due bambini. In questo pacchetto viene aggiunto un buono bibita e pasto.

Parliamo dell’organizzazione del vostro meeting. Come si fa a convincere un primatista del mondo o un campione olimpico a scegliere il palcoscenico della Capitale?
Come dicevo prima l’ottima organizzazione è un punto forte e poi noi a Bellinzona li coccoliamo forse di più che nelle grandi città e nei grossi meeting. A Bellinzona loro si spostano tranquillamente e tutto è vicino, non devono aspettare navette per recarsi allo stadio e si recano semplicemente a piedi sul luogo delle competizioni. Sentono veramente l’atmosfera e l’energia giusta regalata da tutti noi che organizziamo per pura passione e volontariato. Quando un atleta è stato a Bellinzona, poi parla con altri campioni e il gioco è fatto.

I soldi avranno senz’altro un ruolo importante. Ma quanto costa allestire questo “carrozzone”? A quanto ammonta il budget?
Abbiamo deciso in comitato di non rivelare il nostro budget, però posso dirle che in città tra hotel, ristorazione, pubblicità, asse e così via lasciamo circa franchi 175’000.

Per arrivare a Gatlin piuttosto che ad un altro big, sono indispensabili i manager. Sono invasivi e fastidiosi come quelli del calcio?
In 9 anni di Galà ho trovato solo manager molto disponibili e per nulla fastidiosi; tra di noi si è istaurato un rapporto molto buono e con diversi di loro ci sentiamo anche al di fuori del meeting.

Il meeting dei Castelli cosa porta alle società di atletica e alla città? Avete avuto riscontri importanti in questi anni?
Al GAB e alla SAB porta una grandissima visibilità. Le settimane successive al Galà molti giovani chiamano per poter iniziare l’attività atletica in una delle nostre società e difatti l’atletica bellinzonese è molto frequentata dai giovani negli ultimi anni. Alla Città porta una visibilità enorme a livello turistico: tutti gli atleti a livello di social nei giorni del Galà postano tantissime foto e messaggi di Bellinzona e specialmente dei suoi Castelli.

Per il meeting il Comunale sarà tirato a lucido.
Un grandissimo atout! Ringrazio la Città per il grande sforzo profuso per il grosso investimento apportato al Comunale. Possiamo riproporre quest’anno il salto con l’asta e il salto in alto che prima, a causa dell’usura del manto, erano impossibili da mandare in scena. La sera del meeting verrà installata una tribuna (250 posti) supplementare nella zona salto del salto con l’asta per dare al nostro pubblico la grande occasione di seguire la competizione in questione più comodamente. E anche sul rettilineo dei 100 metri ci saranno 8 corsie. Uno spettacolo ancora maggiore!

Il pubblico di anno e in anno è cresciuto. Buon segno!
Ogni anno abbiamo un buon aumento di spettatori e questo ci stimola nel nostro impegnativo lavoro organizzativo ed è molto gratificante. Ringrazio di cuore tutti coloro che vengono al Comunale.

MDD

Guarda anche 

“A Bellinzona per avere lo stesso successo avuto a Lugano”: parla Bentancur

BELLINZONA – Il campionato dell’ACB è già iniziato e c’è già stata la prima svolta: in panchina non c’è pi&ugra...
22.08.2019
Sport

Bentancur-Bellinzona il matrimonio è servito

BELLINZONA - Mancano solo i dettagli e poi, salvo clamorosi ribaltoni per altro non previsti, il Bellinzona dal prossimo mese di luglio si avvarrà della collaboraz...
17.06.2019
Sport

Bellinzona: municipio euroturbo!

A Bellinzona il municipio a maggioranza radiko$ocialista euroturbo espone in pompa magna, ed addirittura in anticipo (la foto è di ieri) la bandiera della fallita ...
06.05.2019
Ticino

Infortunato … ma alle Maldive: Aziz “tradito” dalla moglie e messo sul mercato

ISTANBUL (Turchia) – Si fa fatica a crederci ed invece è tutto vero. L’avventura di Serdar Aziz con la maglia del Galatasaray rischia di finire per col...
31.12.2018
Sport