Mondo, 21 agosto 2019

Sgarbi non le manda a dire a Conte. "Discorso suicida, dilettantistico, offensivo"

ROMA – Vittorio Sgarbi è tutto tranne che tenero con Giuseppe Conte e il suo discorso precedente le dimissioni presentate a Mattarella. Lo ha definito “suicida e dilettantesco, offensivo”.

“È stato il discorso di un non presidente del consiglio che non è in grado di governare la crisi, ma la sente come un insulto personale, mostrando di essere presidente del consiglio soltanto dei 5 stelle che lo hanno voluto, sottraendolo alla sua attività professionale”, ha attaccato Sgarbi, per poi spiegare: “Conte è il presidente di una parte e lo ha manifestato nel suo testamento pseudo politico con una serie di ripicche e rivendicazioni che sono un attacco alla parte più viva del suo governo, che è stata la Lega” (riferendosi alle frecciate a Salvini).

Tornando al caso che ha fatto esplodere la miccia, argomenta: “Il motivo della sfiducia a Conte è stata la mozione sulla Tav, la madre di tutte le battaglie, che ha contrapposto i 5 Stelle al loro presidente, per una volta sopra le parti nel dire la verità su quella grande opera. In quel momento dai 5 stelle, e non dalla Lega, Conte è stato sfiduciato, ma non se ne rende conto. E apre la guerra contro quelli che lo avevano sostenuto: una strana forma di sadismo che lo condanna nella puerile contrapposizione a Salvini, appiattendosi sul partito inesistente dei 5 stelle, la cui realtà, dopo la fine dell’euforia che li ha sovradimensionati, è ben sotto il 10%”.

Conclude Sgarbi: “Inverosimile l’attacco sui valori cristiani nel tentativo di avere il concorso esterno del Papa. Conte non poteva cadere più in basso. Quello che sta continuando a dire è una patetica predica, extra politica, moralistica, profondamente malinconica. Addio Conte, dilettate senza speranza”

Guarda anche 

Vienna, rischio attentati a Natale: arrestato giovane con esplosivi

Massima allerta a Vienna per a causa di un possibile attentato nei giorni di Natale. L'allarme è scattato dopo l'arresto, avvenuto...
16.12.2019
Mondo

Regno Unito: Johnson trionfa la Brexit è certa e più vicina

Per le elezioni politiche britanniche di giovedì 12 dicembre, i pronostici indicavano una vittoria risicata per i conservatori (Tory) e praticamente nessuno si asp...
16.12.2019
Mondo

"Perdete questa partita o sarai un morto che cammina"

Scandalo scommesse in Serie C. Prima della partita tra Monza e Juventus U23, un giocatore della squadra brianzola è stato minacciato da uno sconosciuto attivo nell...
13.12.2019
Mondo

"Senza se e senza ma. La Brexit si farà"

È un trionfo vero e proprio quello di Boris Johnson alle elezioni. Gli elettori sono stati chiari: vogliono la Brexit. E il ministro uscente ha le idee in chiaro: ...
13.12.2019
Mondo