Sport, 20 agosto 2019

Riconoscimento facciale negli stadi: la Svizzera ha detto “no” a Gobbi, ma in Inghilterra c’è chi ci pensa

Il Manchester City sta pensando di utilizzare questa tecnologia per accelerare l’entrata dei propri tifosi allo stadio, ma si è subito alzato un polverone

MANCHESTER (Gbr) – Poco più di un mese fa, in Svizzera, l’obbligo del riconoscimento facciale per gli stadi di disco su ghiaccio è stato bocciato. Un’idea proposta da Norman Gobbi che non era stata vista di buon grado non solo dai tifosi, ma anche dalle società hockeistiche ticinesi e dalla Lega stessa che per combattere il problema dell’hooliganismo ha deciso di appontare misure diverse ed uguali per ogni club.

L’idea però è stata presa in considerazione dal Manchester City per poter evitare i biglietti cartacei con l’intenzione di evitare le code all’ingresso dello stadio. A paventare l’idea è stato il “Sunday Times” e nonostante un insider del club abbia subito smentito la questione al “Guardian”, definendo il progetto prematuro, aggiungendo che però il club è favorevole a esplorare nuove tecnologie in favore dei tifosi, diverse associazioni per la difesa dei diritti civili si sono schierate contro il progetto.

La tecnologia dovrebbe poter identificare le persone che camminano a velocità normale, quindi i tifosi che accedono all’Etihad (previa registrazione di un selfie dal loro telefono) non dovranno rallentare per mostrare il biglietto: semplicemente camminando una luce indicherà se il tifoso è in possesso del ticket (luce verde) o meno (luce gialla).

Questa ovviamente resta una bozza, un’idea, un progetto ma in ogni caso tutto questo potrebbe anche aiutare alla lotta contro l’hooliganismo.

Guarda anche 

Artecasa Lugano: Ecco i vincitori dei premi del design e dell’architettura sostenibile

Svelati e premiati i vincitori dei due prestigiosi premi di artecasalugano ’19 alla presenza della giuria, degli sponsor e degli organizzatori: LDD – Award 19...
21.10.2019
Ticino

“Triste di lasciare Lugano. Un grazie ai tifosi e ai miei compagni, non vi dimenticherò”. Le ultime parole “svizzere” di Spooner

LUGANO – Due storie su Instagram per salutare tutti, per ufficializzare la sua partenza da Lugano e dalla Svizzera: Ryan Spooner ha usato i social per dire “a...
21.10.2019
Sport

Coppa malandrina: Lugano e Ambrì salutano con qualche mugugno (e cerotti)

DAVOS/BIENNE – Niente da fare, la Coppa Svizzera non arriverà in Ticino nemmeno quest’anno: Lugano e Ambrì, infatti, ieri hanno dovuto salutare ...
21.10.2019
Sport

Un punticino, qualche rammarico e un Lugano che in casa non vince mai

LUGANO – Dopo il pareggio colto contro la Dinamo Kiev in Europa League e il successo di Sion, questa volta il Lugano… si è fermato al palo in casa con...
21.10.2019
Sport