Ticino, 14 agosto 2019

Regalo da 1.3 miliardi all’UE: la partitocrazia pensa di prendere i cittadini per i fondelli

La partitocrazia euroturbo PLR-PPD-PSS continua a menare per il naso i cittadini svizzeri. L’ (inutile) Commissione di politica estera del Consiglio nazionale è infatti riuscita a decidere, per 17 voti contro 8, che il dibattito parlamentare sul regalo da 1.3 miliardi all’UE si terrà solo dopo le elezioni federali. Inutile dire che i 17 voti sono quelli del triciclo PLR-PPD-PSS.
Lo squallido giochetto risulta manifesto anche al Gigi di Viganello: gli esponenti del triciclo fremono dalla voglia di regalare i miliardi dei contribuenti alla DisUnione europea. La quale, per tutto ringraziamento, ci discrimina, ci ricatta e pretende di comandare in casa nostra tramite lo sconcio accordo quadro istituzionale (che la partitocrazia euroturbo vuole firmare ad ogni costo: altro dossier rimandato a dopo le elezioni per questioni di sordido tatticismo elettorale). Però lorsignori hanno paura di pronunciare il Sì definitivo prima delle elezioni federali, temendo – a giusta ragione – di perdere consensi nelle urne.
E allora, quale geniale pensata partorisce il triciclo? Rimanda la patata bollente a dopo ottobre: passata la festa, gabbato lo santo! E rimanda ricorrendo alla risibile scusa delle “verifiche da svolgere”. Lo stesso pretesto utilizzato, ma tu guarda i casi della vita, per rimandare a dopo le elezioni anche la decisione sullo sconcio accordo quadro istituzionale.
Come se fossero necessarie delle “verifiche” (?) per scoprire che Bruxelles ci discrimina e ci ricatta, e che in nessun caso merita di ricevere altri soldi di proprietà dei cittadini elvetici. Altro che UE: gli 1.3 miliardi di sedicente coesione vanno versati nelle casse dell’AVS!
La decisione della Commissione di politica estera del CN dimostra che i politicanti del triciclo cameriere di Bruxelles non hanno nemmeno il coraggio delle proprie posizioni. Tramano per turlupinare i cittadini con tatticismi da asilo Mariuccia. Ricordarsene in ottobre!
 E ricordarsi che, subito dopo le elezioni, il triciclo PLR-PPD-PSS si affretterà ad approvare:
  • L’accordo quadro istituzionale, che trasformerà la Svizzera in una colonia dell’UE;
  • Il regalo da 1.3 miliardi a Bruxelles, senza uno straccio di contropartita, quando questi soldi servirebbero “in casa”;
  • Il demenziale patto ONU sulla migrazione, che mira ad introdurre la libera circolazione delle persone a livello mondiale ed a trasformare l’immigrazione clandestina in un diritto umano.
Ma se i signori della partitocrazia pensano che i cittadini svizzeri non si accorgano dei loro giochetti, forse hanno fatto male i conti!
 
Lega dei Ticinesi
 

Guarda anche 

"Sono innocente", parla il neurochirurgo indagato

LUGANO – Per la prima volta, seppur tramite il suo legale, parla il neurochirurgo indagato per aver fatturato delle operazioni non compiute. Si dice assolutamente i...
23.08.2019
Ticino

Bertoli spara: "Spero che ora l'Italia riapra i porti". I leghisti: "Pensi ai ticinesi!"

BELLINZONA – Manuele Bertoli anima il venerdì pomeriggio attaccando Matteo Salvini e augurandosi un’apertura dei porti dopo la “caduta” del...
23.08.2019
Ticino

Interpellanza: Il quasi ex-super-funzionario Milo Piccoli quanto guadagna?

Non è nuova notizia che nella Città di Lugano i grandi progetti del dicastero Immobili (Polo sportivo, polo congressuale, ecc…) faticano a vedere la ...
23.08.2019
Ticino

La tua vita non vale un fungo. I comportamenti da adottare per non correre rischi

La stagione della raccolta di funghi si annuncia buona ma i pericoli sono sempre dietro l’angolo. Di nuovo, nell’ambito del progetto “Montagne sicure&rd...
23.08.2019
Ticino