Mondo, 13 agosto 2019

È morta Nadia Toffa

"Forse ora qualcuno potrebbe pensare che hai perso, ma chi ha vissuto come te, non perde mai". Inizia così il toccante post Facebook con cui questa mattina Le Iene hanno dato notizia della morte della propria conduttrice Nadia Toffa.

"Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all’ultimo, fino a oggi. D’altronde nella vita hai lottato sempre.  Hai lottato anche quando sei arrivata da noi, e forse è per questo che ci hai conquistati da subito. È stato un colpo di fulmine con te, Toffa. È stato tanto facile piacersi, inevitabile innamorarsi, ed è proprio per questo che è così difficile lasciarsi".

E ancora: " Il destino, il karma, la sorte, la sfiga ha deciso di colpire proprio te, la nostra Toffa, la più tosta di tutti, mentre qualcuno non credeva alla tua lotta, noi restavamo in silenzio e tu sorridevi". "Sei riuscita a perdonare tutti, anche il fato, e forse anche il mostro contro cui hai combattuto senza sosta... il cancro, che fino a poco tempo fa tutti chiamavano timidamente “IL male incurabile” e che, anche grazie alla tua battaglia, adesso ha un nome proprio. “Non bisogna vergognarsi di guardarlo in faccia e chiamarlo per nome il bastardo, - dicevi - che magari si spaventa un po’ se lo guardi fisso negli occhi"".

"E dato che sei stata in grado di perdonare l’imperdonabile, cara Nadia – conclude la nota de Le Iene –  non ci resta che sperare con tutto il cuore che tu sia riuscita a perdonare anche noi, che non siamo stati in grado di aiutarti quanto avremmo voluto. Ed ecco le Iene che piangono la loro dolce guerriera, inermi davanti a tutto il dolore e alla consapevolezza che solo il tuo sorriso, Nadia, potrebbe consolarci, solo la tua energia e la tua forza potrebbero farci tornare ad essere quelli di sempre.  Niente per noi sarà più come prima".

Guarda anche 

Lombardia, via l'obbligo di mascherina all'aperto

Da oggi, mercoledì 15 luglio, cade l'obbligo di indossare la mascherina all'aperto in Lombardia purché sia mantenuta la distanza di s...
15.07.2020
Mondo

Caccia al 'Rambo' tedesco in fuga nella Foresta nera

I giornali tedeschi lo hanno definito il John Rambo della Foresta Nera. In effetti, la storia di Yves Rausch sembra ricalcare la trama dell’ex veterano di guerra ch...
14.07.2020
Mondo

Boicottiamo chi boicotta con la scusa del “razzismo”

La stoltezza degli odiatori sedicenti antirazzisti, che invece sono i primi ad essere razzisti contro i bianchi e contro l’Occidente, non conosce davvero limiti. Il...
14.07.2020
Mondo

La polizia inglese arresta un dodicenne per aver insultato un giocatore di calcio professionista

La polizia delle West Midlands, in Inghilterra, ha fatto sobbalzare più di una persona sui social media dopo che ha annunciato con orgoglio di aver arrestato un ra...
14.07.2020
Mondo