Sport, 28 luglio 2019

Lugano, 1 punto e tanti rimpianti: col Thun finisce 0-0

L’esordio casalingo in campionato si è concluso a reti inviolate nonostante le tante occasioni create dai bianconeri specie nel primo tempo

LUGANO – Squadra che vince non si cambia, è una vecchia legge del calcio. Figuriamoci una squadra che stravince: dopo il perentorio 4-0 ottenuto all’esordio a Zurigo settimana scorsa, questo pomeriggio Fabio Celestini non ha messo mano alla formazione, confermando contro il Thun a Cornaredo l’11 che così bene si era espresso al Letzigrund. Qualche cambio, invece, l’ha dovuto effettuare Marc Schneider, dovendo rinunciare a Rodrigues e al partente Sorgic, sostituiti da Gelmi e da Salanovic.

Nella prima in casa della stagione, Sabbatini e compagni nel primo tempo hanno mostrato nuovamente le pazzesche qualità tecniche in loro possesso quando i vari Rodriguez, Aratore, Bottani e Gerndt possono ripartire in contropiede. 4 le chiare occasioni lasciate dalle parti di Faivre nei primi 30’, compresa la rete dello stesso Aratore annullata col VAR per un fuorigioco precedente. Una vera macchina da gioco ben oleata, anche se alla fine è mancata la cosa che più conta, il gol.

Anche nel secondo tempo, seguendo quel filo rosso che ha contraddistinto una partita a scatti, che spesso ha vissuto di fiammate, intramezzate da periodo di ritmi molto più bassi, è stato il Lugano a farsi preferire, pur abbassando pian piano il proprio baricentro. Celestini ha provato a mantenere alti ritmo e intensità con gli inserimenti di Lovric e di Holender, ma l’occasione più grande è capitata sulla testa di Rapp che, per fortuna del Lugano, non ha trovato lo specchio della porta a pochi minuti dal termine.

Neanche l’entrata di Obexer è riuscita a far cambiare il risultato – nonostante l’opportunità avuta da Holender – e così al momento del triplice fischio dell’arbitro è maturato un pareggio che lascia un po’ a tutti l’amaro in bocca.
 
LUGANO – THUN 0-0
LUGANO:
Baumann; Kecskes, Marica, Daprelà, Lavanchy; Custodio (64’ Lovric), Sabbatini, Rodriguez, Aratore, Bottani (81’ Obexer); Gerndt (69’ Holender).
Note: Cornaredo, 4334 spettatori.

Guarda anche 

Novoselskiy non è contento: un passo indietro per il Lugano

LUGANO – Quest’estate poteva diventare il nuovo proprietario dell’FC Lugano, sette mesi dopo Leonid Novoselskiy non solo non è il presidente del ...
17.01.2020
Sport

GALLERY – Vittoria e festa con 15 "influencer“ italiane: il Manchester City si è dato alla pazza gioia

MANCHESTER (Gbr) – Non sarebbe certo una primizia, non sarebbe certo una cosa mai accaduta, ma resta il fatto che se fosse vera potrebbe sollevare un polverone. Sti...
16.01.2020
Sport

Effetto McIntyre: il Lugano ha ritrovato (forse) sé stesso e le reti di Klasen

LUGANO – Prima del 13 dicembre c’era un Lugano che faticava tremendamente non solo a centrare punti, ma anche a poter contare sulle reti dei suoi stranieri. D...
16.01.2020
Sport

Balotelli “Speedy Gonzales”? Tolta la multa ricevuta in Ticino

BRESCIA (Italia) - Aveva fatto tanto parlare la multa inflitta dalla Sezione della Circolazione di Camorino a Mario Baloletti: 100.- di spese amministrative e 3 mesi di r...
15.01.2020
Sport