Svizzera, 23 luglio 2019

Padiglione svizzero a Expo sponsorizzato da Philip Morris, c'è chi storce il naso (e chi attacca Cassis)

Il produttore di sigarette Philip Morris sarà lo sponsor del padiglione svizzero all'Expo 2020 a Dubai, sponsorizzazione che ha suscitato le ire degli ambienti attivi nella lotta al tabagismo e della stessa Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la quale è "in contatto" con Berna sull'argomento.

La partnership pianificata con il padiglione svizzero è in linea con le linee guida e le normative dell'Expo, sostiene Philip Morris. Il gigante del tabacco, la cui sede operativa è a Losanna, afferma di voler presentare a Dubai "la sua visione del futuro sull'alternativa della sigaretta".

Secondo i rapporti della stampa confermati lunedì, la società del tabacco dovrebbe pagare 1,8 milioni di franchi per essere rappresentata nel padiglione svizzero. È nominato sul sito web della Swiss House di Dubai come partner principale, accanto al produttore di ascensori Schindler. Gli altri sponsor principali sono Nestlé, Novartis e Clariant.

Come detto, la presenza di Philip Morris ha scatenato un'ondata di proteste, in particolare nei circoli per la prevenzione del tabacco e l'OMS sta attualmente "discutendo" (come definisce la stampa svizzera questo tipo di contatti) questa partnership con Berna e l'Ufficio internazionale delle esposizioni (BIE) di Parigi, responsabile dell'organizzatore di World Expo 2020. Il suo portavoce, Christian Lindmeier, ha confermato lunedì l'informazione a CH-Media e Tamedia.

Dal 2011 l'organizzazione delle Nazioni Unite ha seguito rigide regole relative alle mostre internazionali. Le compagnie del tabacco non possono essere sponsor. Nessun prodotto di tabacco può essere venduto o pubblicizzato. La regola si applica anche alle sigarette elettroniche.

Nicolas Bideau, direttore di Presence Suisse, ha difeso la scelta di Philipp Morris come sponsor. Nella
scelta degli sponsor, è stata presa in considerazione l'intera economia svizzera. "La Confederazione ci chiede di trovare sponsor fino al 50% del budget di partecipazione, che ammonta a circa 15 milioni", ha detto venerdì alla RTS.

E lunedì Bideau ha ricevuto il sostegno dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Secondo l'Ufficio delle esposizioni internazionali, Philip Morris non avrà un suo spazio nella mostra. I prodotti di questa azienda non saranno distribuiti e la presenza della compagnia di tabacco nel padiglione sarà concentrata nel bar sulla terrazza sul tetto e non farà parte del percorso dei visitatori. Il bar sarà accessibile solo a chi ha più di 21 anni.

Secondo il DFAE, Philip Morris promuoverà solo un prodotto che ha sviluppato in alternativa alle sigarette. Ha anche detto che senza questo grande sponsor sarebbe difficile raggiungere l'obiettivo di sponsorizzare il padiglione.

Contro la presenza di Philip Morris, lunedì mattina è stata lanciata una petizione per opporsi alla sponsorizzazione dell'azienda, petizione che a fine pomeriggio aveva raccolto 1'800 firme. Nei messaggi pubblicati da chi ha firmato molte persone affermano di non essere d'accordo con la presenza della multinazionale del tabacco.

In diversi messaggi anche il direttore del DFAE Ignazio Cassis, a cui la petizione è indirizzata, viene preso di mira. Diversi utenti trovano vi sia una incoerenza tra gli impieghi passati, medico, medico cantonale e presidente dell'associazione mantello delle casse malati, e la presenza di un'azienda attiva nella produzione e nella vendita del tabacco.

Il World Expo 2020 a Dubai si tiene dal 20 ottobre 2020 al 10 aprile 2021. Posto sotto il tema "Connetti le menti, crea il futuro", all'evento sono attesi 25 milioni di visitatori.

Guarda anche 

ONG: stipendi principeschi ai dirigenti con i nostri soldi

Ma guarda un po’: ecco come il grande statista PLR Ignazio KrankenCassis utilizza i soldi dei contribuenti! Nei giorni scorsi la stampa d’Oltralpe ha rivelat...
19.07.2020
Svizzera

A ONG attive in Africa la Svizzera versa "salari principeschi", secondo un documento del DFAE

Stipendi "principeschi" pagati a dirigenti di ONG dalla Confederazione. La Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) avrebbe versato "salari prin...
15.07.2020
Svizzera

Gli Stati Uniti annunciano di aver ufficialmente lasciato l'Organizzazione mondiale della sanità

Il presidente americano Donald Trump ha ufficialmente avviato la procedura per il ritiro degli Stati Uniti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che...
08.07.2020
Mondo

La sceneggiata di Ligornetto

Si è tenuto martedì come da copione l’incontro tra i due ministri degli esteri italiani Giggino Di Maio ed Ignazio KrankenCassis (PLR). A cosa è...
22.06.2020
Svizzera