Svizzera, 19 luglio 2019

Confermato carcere e espulsione per un imam di Wintherthur

Il Tribunale federale ha respinto l'appello di un imam somalo della moschea An'Nur di Winterthur (ZH). L'uomo era stato condannato per  per istigazione alla violenza da un tribunale di Zurigo a 18 mesi di carcere ed espulsione dalla Svizzera per 10 anni.

L'imam in un sermone pronunciato il 21 ottobre 2016 davanti a circa 60 persone aveva affermato che i musulmani che non pregavano dovrebbero essere "banditi, respinti, evitati e calunniati fino al loro ritorno". Se persistevano, dovevano essere uccisi, anche se pregavano a casa.

Le prove riguardo l'esistenza di questo sermone sono indiscusse. Il ministero pubblico è in possesso di una registrazione fatta da una persona privata. Una ricerca ha inoltre permesso di ottenere la versione scritta del discorso sul computer dello stesso imam.

Nel novembre 2017, il tribunale distrettuale di Winterthur aveva condannato l'uomo con una pena sospesa per pubblica provocazione a reati o violenze e rappresentazioni multiple di violenza. La sentenza fu accompagnata dall'espulsione dalla Svizzera per dieci anni. La sentenza è stata confermata in appello dal tribunale cantonale di Zurigo nel novembre 2018.
In una sentenza pronunciata venerdì, la Corte federale ha quindi respinto l'appello dell'imam. Contrariamente all'opinione di quest'ultimo, il tribunale ha ritenuto che la traduzione del suo sermone eseguito da un interprete potesse essere utilizzata come prova. Secondo i giudici, non ci sono indicazioni che il traduttore sia stato di parte.

La Corte Suprema Federale si è pronunciata a favore del tribunale cantonale che ha concluso che "i passaggi controversi del sermone soddisfano gli elementi costitutivi del reato di pubblica provocazione al crimine o alla violenza". Secondo la giurisprudenza, una provocazione espressa con una certa insistenza è necessaria, sottolinea il Tribunale federale. L'appello a "uccidere coloro che non pregano nella comunità" può essere inteso come un incentivo a compiere un'azione sufficientemente specifica, hanno detto i giudici.

Guarda anche 

Frontaliere espulso dopo 27 anni in Ticino: "Giusto così"

Il Tribunale federale, con sentenza datata 19 giugno e pubblicata ieri, ha confermato la revoca del permesso G a un frontaliere che lavorava in Ticino dal 1988.   ...
09.07.2020
Ticino

La Basilica di Santa Sofia tornerà ad essere una moschea?

In perdita di velocità sin da quando ha perso il sindacato di Istanbul, il presidente turco Recep Erdogan sta moltiplicando le iniziative per invertire la tendenza...
07.07.2020
Mondo

Aggredito mentre urina su un muro, la Suva gli taglia le indennità per infortunio

Il Tribunale federale conferma la riduzione delle indennità per infortunio della Suva per un giovane che aveva urinato su un muro per poi essere violentemente aggr...
06.07.2020
Svizzera

Condannato e espulso per aver abusato di un'adolescente che aveva drogato

È una serie impressionante di accuse quelle a cui ha dovuto rispondere un 23enne domenicano a un processo svoltosi giovedì a Neuchâtel. Alla fine, il ...
04.07.2020
Svizzera