Svizzera, 19 luglio 2019

Confermato carcere e espulsione per un imam di Wintherthur

Il Tribunale federale ha respinto l'appello di un imam somalo della moschea An'Nur di Winterthur (ZH). L'uomo era stato condannato per  per istigazione alla violenza da un tribunale di Zurigo a 18 mesi di carcere ed espulsione dalla Svizzera per 10 anni.

L'imam in un sermone pronunciato il 21 ottobre 2016 davanti a circa 60 persone aveva affermato che i musulmani che non pregavano dovrebbero essere "banditi, respinti, evitati e calunniati fino al loro ritorno". Se persistevano, dovevano essere uccisi, anche se pregavano a casa.

Le prove riguardo l'esistenza di questo sermone sono indiscusse. Il ministero pubblico è in possesso di una registrazione fatta da una persona privata. Una ricerca ha inoltre permesso di ottenere la versione scritta del discorso sul computer dello stesso imam.

Nel novembre 2017, il tribunale distrettuale di Winterthur aveva condannato l'uomo con una pena sospesa per pubblica provocazione a reati o violenze e rappresentazioni multiple di violenza. La sentenza fu accompagnata dall'espulsione dalla Svizzera per dieci anni. La sentenza è stata confermata in appello dal tribunale cantonale di Zurigo nel novembre 2018.
In una sentenza pronunciata venerdì, la Corte federale ha quindi respinto l'appello dell'imam. Contrariamente all'opinione di quest'ultimo, il tribunale ha ritenuto che la traduzione del suo sermone eseguito da un interprete potesse essere utilizzata come prova. Secondo i giudici, non ci sono indicazioni che il traduttore sia stato di parte.

La Corte Suprema Federale si è pronunciata a favore del tribunale cantonale che ha concluso che "i passaggi controversi del sermone soddisfano gli elementi costitutivi del reato di pubblica provocazione al crimine o alla violenza". Secondo la giurisprudenza, una provocazione espressa con una certa insistenza è necessaria, sottolinea il Tribunale federale. L'appello a "uccidere coloro che non pregano nella comunità" può essere inteso come un incentivo a compiere un'azione sufficientemente specifica, hanno detto i giudici.

Guarda anche 

Pesanti condanne per un caso di corruzione alla SECO, "il più grave da decenni nella storia svizzera"

Per quindici giorni il Tribunale penale federale di Bellinzona nel mese di agosto si è occupato di uno dei più grandi casi di corruzione nella storia del...
19.09.2021
Svizzera

Fa ricorso per una multa per divieto di sosta, alla fine dovrà pagare 15 volte tanto

Succede, talvolta, che quando si fa ricorso per una multa, si riesce a farla annullare, o comunque ridurre l'importo, quando si è convinti di non aver commesso...
18.09.2021
Svizzera

Il sindacato Unia possiede un patrimonio di oltre mezzo miliardo di franchi

Unia, il più grande sindacato svizzero, attivo nei settori dell'industria, della costruzione e dei servizi, finora aveva tenuto segreto il suo patrimonio. Ma o...
13.09.2021
Svizzera

Derubava i clienti FFS mettendo un fazzoletto nel distributore di biglietti

Un cittadino francese residente a Ginevra è riuscito a sottrarre circa 2'000 franchi a clienti delle FFS bloccando l'erogatore del resto dei distributori d...
13.09.2021
Svizzera