Svizzera, 16 luglio 2019

FFS: ritardi e disservizi a go-go!

*Dal Mattino della Domenica

Uella, e poi la casta ancora la remena con i mezzi pubblici e con il trasporto su rotaia, criminalizzando e tartassando gli automobilisti per costringerli a servirsene?! Intanto i treni collezionano un disservizio dietro l’altro! Da una recente indagine si scopre (?) infatti che, sulla tratta del Gottardo, quasi il 40% dei convogli arriva in ritardo, ed i nuovi orari in vigore da giugno a causa della chiusura per lavori della tratta tra Arth-Goldau e Zugo Oberwil hanno ulteriormente peggiorato la situazione, oltre ad aumentare i tempi di percorrenza! Uella!

E poi si moltiplicano gli episodi come quello di venerdì sera, quando i passeggeri diretti a Zurigo si sono trovati stipati su un eurocity come su un carro bestiame! Questo perché – hanno in seguito spiegato i portavoce delle Ferrovie federali – parte del convoglio è rimasto nel Belpaese, quindi è tutta colpa della Fallitalia, gné gné gné!

Uella signori, non ce ne frega un tubo di chi è la colpa! Semplicemente, visto quello che costano i biglietti e visto anche che le ferrovie sono ampiamente foraggiate con i soldi munti agli automobilisti a suon di tasse e balzelli vari, i collegamenti devono funzionare! Altrimenti non venitevi a lamentare che la gente si sposta in macchina!

Lasciate quei bus!

Assolutamente demenziale è poi la decisione dell’Ufficio

federale dei trasporti (UFT) di togliere a fine anno la concessione ai bus Lugano-Malpensa, blaterando che c’è il collegamento su rotaia! Certo, come no! Un collegamento per il quale si sono sperperate milionate di franchi del solito sfigato contribuente e che colleziona ritardi e disservizi! Senza contare che comunque, anche le poche volte in cui tutto fila liscio, la trasferta in treno da Lugano alla Malpensa dura quasi due ore!

Uella balivi dell’UFT, lasciate che i bus continuino ad effettuare il proprio servizio, visto che il collegamento ferroviario è un flop! Altro che venire a raccontare la fregnaccia che la concessione non verrà più rilasciata perché il collegamento su gomma farebbe concorrenza alla ferrovia! Burocrati bernesi, ma dove pensate di essere, nella Russia bolscevica?

E intanto ad andarci di mezzo sono i viaggiatori! I quali, invece di prendere un trenino del latte che non funziona, vanno alla Malpensa in macchina! Alla faccia della tanto declamata protezione dell’ambiente!

*Edizione del 14 luglio 2019


Guarda anche 

Sempre più stressati e emotivamente esausti sul lavoro

Sempre più stress nel mondo professionale. Nel 2017 il 21% delle persone attive molto spesso era stressato al lavoro; nel 2012 queste persone erano il 18%. In gene...
20.08.2019
Svizzera

Secondo trimestre 2019: il numero degli occupati aumenta dell'1,1%; il tasso di disoccupazione ai sensi dell'ILO scende al 4,2%

Il numero di occupati in Svizzera è cresciuto dell’1,1% tra il secondo trimestre del 2018 e quello del 2019. Nello stesso lasso di tempo, il tasso di disoccu...
20.08.2019
Svizzera

Dal "Sasso del diavolo" al "Cristallo di Roccia", due premi per i trasporti meno e più virtuosi

BELLINZONA – Un premio che è meglio non vincere.  L'Iniziativa delle Alpi assegna il premio per sensibilizzare i consumatori sui trasporti nascosti ...
19.08.2019
Svizzera

Cross cede il Gruppo Swiss Tools a Schaublin SA, una società affiliata di RBC Bearings Incorporated

  Pfäffikon, 15 agosto 2019 – L'azienda svizzera di private-equity Cross ha venduto la propria partecipazione di maggioranza al Gruppo Swiss To...
15.08.2019
Svizzera