Sport, 15 luglio 2019

SONDAGGIO – L’addio a Lapierre. È stata una buona soluzione?

La partenza dell’ormai numero 25 dalla Cornér Arena è stata la notizia del weekend e ha fatto parlare, discutere e arrabbiare

LUGANO – Non è stato un sabato e un weekend come tutti gli altri per i tifosi del Lugano che hanno iniziato il fine settimana con una notizia che non si aspettavano: l’addio di Maxim Lapierre ai colori bianconeri.

Uno degli idoli incontrastati di questi ultimi 4 anni, autore di una crescita esponenziale dal 2016 a oggi, capace di trascinare la squadra verso due finali – l’ultima persa anche a causa del suo infortunio in gara-6 – ha deciso di comune accordo con la società di lasciare le rive del Ceresio per accasarsi nella DEL, agli Eisbären Berlin.

“Non voleva diventare in qualche caso il quinto straniero”, è stata la motivazione della società. Ma qualcosa era già cambiato negli ultimi mesi e anche il rinnovo da poco firmato era stato un errore.

Lapierre, quindi, lascia Lugano, alla pari di Merzlikins – direzione NHL –, di Ulmer – andato a Bienne – e di Hofmann, che si è accasato a fine contratto con lo Zugo. Certo, i bianconeri sembrerebbero aver fatto un passo indietro rispetto al passato dopo queste perdite, ma il mercato è ancora in fermento e alla Cornér Arena dovrebbero arrivare ancora due stranieri che potrebbero rimescolare le carte.

In ogni caso, cosa ne pensate della decisione di fare a meno di Maxim Lapierre?

Sondaggio

Cosa ne pensi dell'addio di Lapierre?

Una perdita colossale
Dopo Elvis e Hofmann, un altro passo indietro
Bisognava tenerlo ad ogni costo
Il gruppo prima del singolo: la società ha fatto bene
Lapierre non era più il Lapierre dei primi anni anche nello spogliatoio
Serve uno straniero più forte, infatti giocherà nella DEL
Voglio prima capire quali stranieri arriveranno per sostituirlo

Guarda anche 

Sfide stellari e incroci da capogiro: ecco le insidie europee del Lugano

LUGANO – Mancano ancora i playoff, mancano 10 giorni al sorteggio che si terrà a Montecarlo il prossimo 30 agosto alle 13, mancano ancora le ultime 21 qualif...
20.08.2019
Sport

Riconoscimento facciale negli stadi: la Svizzera ha detto “no” a Gobbi, ma in Inghilterra c’è chi ci pensa

MANCHESTER (Gbr) – Poco più di un mese fa, in Svizzera, l’obbligo del riconoscimento facciale per gli stadi di disco su ghiaccio è stato bocciat...
20.08.2019
Sport

Casinò Lugano: dopo un luglio spettacolare a settembre ancora tante novità!

Da luglio all'interno del Casinò Lugano si possono trovare 18 jackpot attivi, l'ultimo arrivato il Jackpot Duncing Drums, che con la slot Pink Panther disp...
05.08.2019
Ticino

Svizzera, l’hockey riempie il cuore: per calcio e tennis non c’è gloria

LUGANO – Che l’hockey fosse lo sport nazionale per antonomasia lo si sapeva, che per gli altri sport non ci fosse praticamente storia, però era diffici...
04.08.2019
Sport