Svizzera, 12 luglio 2019

L'ambasciatore UE a Berna minaccia la Svizzera sull'accordo quadro, "Svizzera se non ti siedi al tavolo verrai mangiata"

L'ambasciatore dell'UE in Svizzera Michael Matthiessen (nella foto), in un discorso tenuto mercoledì a un evento presso l'ambasciata finlandese a Berna, non ci è andato piano quando si è espresso sul futuro delle relazioni tra l'Unione europea e la Svizzera, minacciando in modo inequivocabile: "Se la Svizzera non si siederà al tavolo, farà parte del menu!" In altre parole, se la Svizzera si rifiuterà di firmare l'accordo quadro essa verrà "mangiata" dall'UE.
.
Matthiessen ha in seguito elaborato la sua pesante elaborazione: "Se vuoi essere connesso, alcune regole devono essere seguite" riferendosi verosimilmente al mercato europeo.

Ha poi definito il sistema politico svizzero "un po 'complesso" a causa dei lunghi negoziati. Ha elogiato l'UE come democrazia attiva e ha schernito la Svizzera: "Nelle recenti elezioni europee, abbiamo registrato un'affluenza del 51 per cento, questo è più che nelle ultime elezioni parlamentari in Svizzera".

È poi ritornato sull'accordo quadro affermando che "spesso andiamo troppo in profondità e dimentichiamo l'insieme". Secondo Matthiessen la Svizzera trarrebbe vantaggio su larga scala dall'UE, perchè le è garantito l'accesso al mercato dell'UE con i suoi oltre 500 milioni di abitanti.

Queste pesanti dichiarazioni, come ci si poteva attendere, hanno fatto reagire diversi politici svizzeri. Il capogruppo dell'UDC in Consiglio nazionale Thomas Aeschi parla dell'"arroganza con cui l'UE ancora una volta tratta la Svizzera".

Anche il vice-capogruppo del PPD Leo Müller non ha preso bene le affermazioni dell'ambasciatore UE "in una fase così delicata, in cui stiamo ancora negoziando, tali dichiarazioni non vanno - specialmente se provengono da un diplomatico!"

Le reazioni diventano più ambivalenti più ci si sposta a sinistra, come quella della consigliera nazionale PLR Christa Markwalder, presente all'evento all'ambasciata finlandese, la quale al Blick ha detto di non dirsi sorpresa dalle affermazioni di Matthiessen. "L'ambasciatore Matthiessen parla sempre un linguaggio chiaro. C'erano sia dichiarazioni ironiche sia campane d'allarme" sostiene Markwalder.

Il consigliere nazionale socialista Fabian Molina si mostra ancora più comprensivo verso il diplomatico UE. Anche lui presente all'evento, al Blick ha affermato che i propositi di Matthiessen sono un segnale da prendere sul serio e che starebbe alla Svizzera agire. "Il messaggio dell'ambasciatore dell'UE era in realtà più chiaro che mai. Bruxelles sta lentamente perdendo la pazienza. Ora la palla è in Svizzera" ha detto Molina.

Guarda anche 

La Svizzera aiuta gli USA a liberare un ostaggio e Trump ringrazia personalmente

Il ruolo della Svizzera nel mediare fra diverse parti in disaccordo fra di loro viene spesso sottaciuto. Per motivi anche comprensibili, ma con la conseguenza che il gran...
05.06.2020
Svizzera

L'ONU critica la Svizzera per la legge anti-terrorismo, "va contro i diritti umani"

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani critica la proposta di legge antiterrorismo del Consiglio federale. In una lettera al governo, mette in gua...
31.05.2020
Svizzera

Tra scontri e contraddizioni, l'UE è sempre più divisa

Questa volta il compito della Commissione europea rasenta i limiti dell’impossibile. La missione di Ursula von der Leyen è tanto ostica quanto comp...
28.05.2020
Mondo

Il Parlamento UE vuole africanizzare l’Europa!

Il delirante patto ONU sulla migrazione, messo in “stand by“ prima delle elezioni federali (assieme allo sconcio accordo quadro istituzionale) attende sempre ...
25.05.2020
Mondo