Svizzera, 09 luglio 2019

Donne bagnino prese a sputi e insulti, "a porre problemi soprattutto immigrati dai Balcani e dal mondo arabo"

Insultate, vittime di sputi e disprezzate in altro modo: in Svizzera i supervisori donne delle piscine vengono spesso presi di mira dai bagnanti. "Ho già sperimentato molte cose, ma ciò che sta accadendo nelle piscine svizzere non è più accettabile", afferma Michel Kunz, presidente dell'Associazione Badmeister, al SonntagsZeitung, che sul tema ha pubblicato un articolo domenica, descrivendo il fenomeno una "guerra fra culture". "Il disprezzo per le donne ha raggiunto un livello assolutamente inaccettabile. Una collega è stata definita una troia - non è possibile!" racconta Kunz.

Anche Sibylle Rykart, vice presidente dell'Associazione Svizzera dei bagnini (Schweizer Badmeister-Verbands), è stata violentemente attaccata: "Come donna, devi sentire sistematicamente osservazioni che sono al di sotto della cintura, e mi hanno anche sputato addosso" . Sibylle Rykart, che lavora come bagnino dal 1995, spiega: "Non esisteva prima. Questa mancanza di rispetto è un fenomeno nuovo."

Alexandra Bürgi, che ora è la direttrice delle strutture sportive di Wiler, nel Vallese, è già stata insultata. E addirittura minacciata: nonostante richiese a quattro immigrati di lasciare la piscina, i quattro la ignorarono e rimasero fino alla chiusura. Successivamente, intercettarono Alexandra Bürgi nella sala tecnica. Dovette fuggire dalla stanza e chiamare la polizia.

Alexandra Bürgi spiega al giornale: "Funziona bene con il 90% dei nostri ospiti, ma ci sono anche quelli che non permettono a una donna di dire loro nulla. Il nostro problema come bagnini è per lo più uomini di un'altra cultura. La maggior parte di loro ha tra i 18 ei 22 anni. Ma lo noto anche con i bambini di 10 anni."

Il presidente dei "Badmeister" vede le cose allo stesso modo: in piscina, afferma Kunz, "le differenze culturali si scontrano. Questo perché alcuni credono che le donne non abbiano nulla da dire e diventano aggressivi nei confronti dei nostri dipendenti. Anche degli svizzeri si sarebbero comportati in modo scorretto. "Ma sfortunatamente, scopriamo che i bagnanti che diventano violenti nei confronti delle donne sono spesso giovani e uomini con un passato migratorio. Non sono abituati a ricevere ordini da delle donne." Secondo il "SonntagsBlick", nessuno osa dire apertamente quali paesi di origine sono i più problematici, ma il giornale non si fa problemi a indicarli, ossia i paesi in cui prevale ancora oggi il trattamento patriarcale delle donne, come i Balcani e il mondo arabo.  

Guarda anche 

Richiedente l'asilo condannato a nove anni di carcere e espulsione per stupro (dopo aver accumulato undici condanne)

Un richiedente l'asilo di 32 anni è stato condannato a 9 anni di carcere per stupro, coercizione sessuale, lesioni personali e violazione di domicilio dal Trib...
16.07.2019
Svizzera

La battaglia di Morgarten, la battaglia che segnò la via dell'indipendenza della Svizzera

La battaglia di Morgarten è ancora considerata oggi una delle più importanti vittorie militari della confederazione. Sconfiggendo l'esercito austriaco l...
16.07.2019
Svizzera

"The Game": Il gioco dei migranti pronti a entrare in Italia

Vucjak – Uno dei giovani nepalesi indossa una maglietta bianca con una grande scritta: “World tour”, giro del mondo. Il gruppetto avanza nella bosc...
15.07.2019
Mondo

Si butta nel fiume per sfuggire alla polizia

Un uomo sospettato di aver rapinato sabato un negozio di elettronica a Bremgarten, nel canton Argovia, è saltato nel fiume Reuss con il suo bottino per sfuggire al...
15.07.2019
Svizzera