Svizzera, 24 giugno 2019

"Gli svizzeri come i romani"

Sto leggendo un libro sulla caduta dell'Impero Romano, questione su cui ci sono molte teorie. Edward Gibbon attribuisce classicamente questo collasso a un declino morale generale insieme a un'immigrazione senza controllo.

Nel IV secolo d.C., circa 100'000 Goti attraversarono il Danubio spinti da altre grandi invasioni dall'Oriente. I Romani reagirono con un merkeliano "Wir schaffen das", accogliendo i nuovi arrivati e offrendo loro aiuti umanitari e rifornimenti. Erano ben intenzionati. E speravano anche di ricavarne un vantaggio.

Tuttavia, quando mancarono i rifornimenti a causa della corruzione e dell'incompetenza, i rifugiati si ribellarono. I romani accolsero Goti e si ritrovarono ad affrontare degli esseri umani. L'imperatore Valente dell'Impero romano d'Oriente morì nel 378 d.C. sul campo di battaglia di Adrianopoli.

Ma il declino di queste regioni un tempo fiorenti non era certamente solo questo. I Romani avevano vissuto troppo a lungo ben oltre i loro mezzi. Durante i miei studi di storia, ho dovuto scrivere un lavoro sui decurion, una classe di patrizi urbani una volta rispettata.

Ma anche le cose si sono rapidamente deteriorate per i decurioni. Perché? Erano i principali esattori delle tasse dell'Impero. E quando gli introiti fiscali crollarono, i poveri collezionisti dovettero pagare la differenza con le loro tasche. Molti si sono suicidati nella disperazione per le finanze dello stato.

Attualmente la Svizzera si concentra su tre temi: clima, clima e donne. Nessuno parla di soldi o immigrazione. La domanda su da dove viene la prosperità e su ciò che la minaccia è stata raramente così bassa nell'agenda politica.

Ho appena ricevuto un messaggio da un lettore. Ci racconta di essere stato sabato scorso con la sua famiglia in un ristorante Migros a Wattwil. C'era un cartello alla cassa. "Per motivi climatici non distribuiamo automaticamente cannucce di plastica”. Devono essere chiesti direttamente allo staff.

È un paese felice quello che deve razionare le cannucce "per motivi climatici"! O malato? Balliamo sulle panchine della scuola come se l'insegnante fosse malato per sempre.

No, la Svizzera non è l'Impero Romano. Ma il declino dei romani dovrebbe farci riflettere. Ciò che ha portato al declino i Romani potrebbe anche uccidere la Svizzera. L'orgoglio precede la caduta. E inizia con la temerarietà.

Iniziamo con la prima legge della natura in politica. L'unica fonte di prosperità in uno stato senza colonie o risorse minerarie sono le imprese, e le persone che lavorano attivamente lì. Sono l'arteria che assicura la loro prosperità. Sono il tubo da giardino nel giardino svizzero.

La seconda legge della natura sta nella capacità dello stato di spendere soldi, sapendo che non è questo a creare prosperità. Gli economisti in voga oggi intorno al francese Piketty hanno torto. Lo stato non è una macchina per fare soldi e creare posti di lavoro. Lo stato garantisce le condizioni che consentono alle aziende di irrigare il giardino.

Terzo, se lo stato diventa obeso quando pompa troppa acqua dal tubo, provoca una grande siccità. I fiori appassiscono, il giardino soffre. L'oasi si trasforma in un deserto quando lo stato si fa troppo ingordo. Chi lo dirà alla sinistra?

La quarta legge della natura, è che lo stato ha solo due possibilità per portare a termine le sue missioni. Può indebitarsi o aumentare la tassa. I debiti sono un furto alle generazioni future. Quindi ha bisogno di tasse. Di conseguenza, lo stato ha un interesse vitale nel garantire che le imprese che portano prosperità stiano bene.

E, soprattutto, non dimentichiamo che solo le aziende pagano le tasse. Pagano le tasse e pagano gli stipendi con cui i dipendenti pagano le tasse. Nessuna tassa senza aziende. La polemica contro le compagnie che, legalmente, pagano poche o nessuna tasse, è un obiettivo sbagliato. Anche le aziende che non pagano le tasse pagano i salari con cui i loro dipendenti pagano le loro.

Quando Friedrich Engels venne in Svizzera 150 anni fa, tornò a casa disilluso. Aveva fatto la travolgente realizzazione che la Svizzera era così arretrata, così povera, che il comunismo non poteva nemmeno impiantarsi qui. Il comunismo costa denaro che altri devono aver guadagnato prima.

L'ex statista comunista cinese Deng Xiaoping diceva saggiamente che "l'importante è che il gatto catturi i topi".

Con ciò intendeva dire che per le imprese era importante fare soldi perché senza di loro, senza prosperità, la Cina sarebbe rovinata. Con questo in mente, Deng trasformò il suo paese da paese in via di sviluppo a superpotenza nel giro di quarant'anni.

No, la Svizzera non deve diventare come la Cina, ma Deng ha visto bene le cose. Il gatto deve catturare i topi. Il filosofo francese dell'illuminismo Voltaire la mise così: "Dobbiamo coltivare il nostro giardino". Dobbiamo anche coltivarlo noi stessi.

Come finanziare il futuro? Al momento, questa domanda cruciale non interessa affatto il mondo politico. Inoltre, tocca allo stato fare tutto. Il clima, i rapporti tra uomini e donne, l'approvvigionamento energetico, la polizia salariale, il Terzo mondo, l'uscita dal nucleare, lo stato mette il becco in tutto, ma così facendo mette in dubbio aziende e individui.

Di conseguenza, la spesa è in aumento, c'è una pletora di regolamenti e regole, che sta facendo alzare i costi. È così che la Francia ha rovinato la sua classe media. I funzionari credono ancora oggi che lo stato porti la prosperità che semplicemente usa.

La decadenza del Basso Impero Romano può essere riassunta a un momento in cui tutti pensano a come spendere soldi e dove nessuno si chiede da dove viene la prosperità. D'altra parte, non appena l'economia comincerà a peggiorare in modo significativo, nessuno si interesserà più del clima.

Roger Köppel / Weltwoche (articolo tradotto)

Guarda anche 

La Svizzera condannata dalla CEDU per il suicidio di un detenuto

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha accolto il ricorso di una madre il cui figlio si era suicidato nel 2014 nella sua cella di Urdorf, nel canton Zurigo....
02.07.2020
Svizzera

Weekend di risse e aggressioni in Svizzera, almeno 7 feriti

È stato un fine settimana di animi surriscaldati quello appena trascorso in Svizzera. Risse e aggressioni hanno provocato diversi feriti, anche gravi, in 5 episodi...
22.06.2020
Svizzera

“Regolarizzare i clandestini a Ginevra ne ha attratti altri dai Balcani”

Il programma “Papyrus” è un programma lanciato dal canton Ginevra nel 2017 per regolarizzare una parte dei numerosi migranti che risiedono illegalmente...
19.06.2020
Svizzera

La Svizzera aiuta gli USA a liberare un ostaggio e Trump ringrazia personalmente

Il ruolo della Svizzera nel mediare fra diverse parti in disaccordo fra di loro viene spesso sottaciuto. Per motivi anche comprensibili, ma con la conseguenza che il gran...
05.06.2020
Svizzera