Svizzera, 22 giugno 2019

Il PLR approva la nuova strategia ambientale, sì agli OGM e tassa sui biglietti aerei

È una conferenza incentrata sul clima e sull'ambiente quella del PLR svizzero, dove i delegati del partito hanno deciso sabato a Zurigo hanno approvato il nuovo programma ambientale del partito, programma che include, fra le altre cose, l'introduzione di una tassa sui biglietti aerei e l'abrogazione della moratoria sugli OGM.

La tassa sui biglietti aerei non era stata inclusa nel programma originale sottoposto ai delegati. La proposta, presentata dal consigliere Lucien Damian Müller, è stata infine approvata con 121 voti favorevoli, 103 contrari e 3 astensioni. Questo nonostante il voto contrario della Conferenza dei presidenti e l'astensione deIla presidente Petra Gössi.

Concretamente, i rappresentanti radicali liberali hanno concordato di considerare la creazione di una tassa "incentivante" sui biglietti aerei "per l'innovazione e la protezione dell'ambiente". Il suo ricavato dovrebbe essere in parte versato in un fondo climatico, utilizzato per finanziare l'innovazione e gli investimenti necessari per la protezione del clima, sia in Svizzera che all'estero.

Il resto dei proventi della tassa verrebbe ridistribuito. I passeggeri in transito sarebbero esentati. Allo stesso tempo, la Svizzera dovrebbe sostenere una tassazione coordinata a livello internazionale del cherosene, che dovrebbe quindi sostituire la tassa sui biglietti aerei. Allo stesso tempo, i delegati hanno rifiutato una proposta volta a promuovere i treni notturni.

È invece stata approvata una proposta che chiede la revoca della moratoria sui cibi modificati geneticamente (OGM), nonostante l'appello del consigliere nazionale di Friburgo Jacques Bourgeois, direttore dell'Unione svizzera dei contadini, che ha cercato invano di impedirne l'adozione.

Un'altra proposta ha suscitato accese discussioni: quella di lasciare la porta aperta alla costruzione di nuove centrali nucleari, bandite dalla Strategia energetica 2050. Nel suo discorso introduttivo, Petra Gössi aveva affermato che non era il momento per tornare a questa domanda. È stata ascoltata: l'idea è stata respinta con 181 voti contro 68.

In totale, più di cinquanta richieste di modifica del documento presentato ai delegati erano state presentate prima della riunione. Sono stati tutti discussi e votati individualmente durante l'incontro, che ha richiesto poco più di tre ore. Il testo finale è stato infine convalidato da 190 voti favorevoli e 19 astensioni.

Guarda anche 

Ecoattivisti bloccano un treno, i passeggeri infuriati li aggrediscono (VIDEO)

Due attivisti dell'ormai collettivo "Extinction Rebellion" hanno bloccato la partenza di un treno regionale a Londra giovedì mattina in pieno orario ...
17.10.2019
Mondo

Svendita della Svizzera e isterismi climatici

Il tema fondamentale delle prossime elezioni federali sono i rapporti con l’Unione europea. Nei prossimi anni – quindi nel corso della legislatura che sta per...
12.10.2019
Opinioni

Un consigliere nazionale socialista vuole mettere un tetto massimo ai viaggi in aereo degli svizzeri

Roger Nordmann (nella foto), consigliere nazionale vodese del partito socialista, ha proposto l'introduzione di una limitazione annuale dei viaggi aerei in Svizzera. ...
07.10.2019
Svizzera

Putin sul fenomeno Thunberg: "quando qualcuno usa bambini e ragazzi per i propri interessi personali merita solo di essere condannato"

L'attivista svedese e fenomeno mediatico del momento Greta Thunberg ha ricevuto plausi riconoscimenti dai leader mondiali per i suoi discorsi emotivi, al punto che qu...
03.10.2019
Mondo