Svizzera, 19 giugno 2019

Non viene espulso perchè il suo QI è troppo basso

Un cittadino kosovaro, arrivato in Svizzera all'età di sette anni nell'ambito di un ricongiungimento famigliare, non verrà espulso nonostante sia indebitato, senza lavoro e abbia alle spalle diverse condanne, fra cui una risalente al 2014 quando fu condannato a due anni di carcere per un crimine violento. Il giudice ha motivato la mancata espulsione al quoziente intellettivo troppo basso dell'uomo, che non sarebbe in grado di reinserirsi nel suo paese d'origine.

Come riferisce il "St. Galler Tagblatt", a fermare l'espulsione è stato il Tribunale federale. Prima, la Corte d'appello di Basilea, cantone in cui risiede l'uomo, l'aveva condannato a due anni e espulsione per il crimine sopra citato. In quell'occasione, insieme a amici, aveva brutalmente aggredito una persona, causandole fratture della mascella inferiore, un cranio fratturato e un trauma cranico al cervello. Ad agosto era quindi stato privato del permesso di soggiorno e un tribunale aveva confermato l'espulsione.

Ma ora la corte federale è intervenuta e ha fermato il rinvio. Motivazione: Le autorità non avevano preso in considerazione il fatto che l'uomo, con un quoziente intellettivo estremamente basso, avrebbe potuto ricostruirsi una vita in Kosovo o meno. L'uomo ha difficoltà a leggere, comprendere testi e l'aritmetica. Il suo livello di sviluppo è quello di un bambino di 9-12 anni, come dimostrato da un test del QI.

Secondo il Tribunale federale una persona "con un'intelligenza di età compresa tra 9 e 12 anni è improbabile che possa fare ritorno nel paese d'origine da solo e iniziare una nuova vita". Finché le autorità di Basilea non chiariranno le conseguenze della deportazione, non è possibile fare una valutazione corretta della decisione di allontanamento.

La Corte Distrettuale che aveva precedentemente condannato l'uomo all'espulsione deve ora determinare se l'interesse dell'uomo a rimanere in Svizzera con la sua famiglia sia superiore o meno all'interesse pubblico di un suo allontamento.

Guarda anche 

Attacco all'arma bianca vicino alla sede di Charlie Hebdo, almeno due feriti

Un uomo e una donna sono stati accoltellati venerdì a Parigi, nei pressi della vecchia sede del giornale Charlie Hebdo, proprio mentre si tiene il processo per gli...
25.09.2020
Mondo

Degenera una lite in un appartamento di Zurigo, un morto e due feriti

Una lite è degenerata giovedì mattina in un appartamento di Zurigo causando la morte di un uomo e il ferimento di due donne. La polizia è stata aller...
24.09.2020
Svizzera

Nascose il fratello dopo l'omicidio, licenziato dall'amministrazione cantonale

È definitivo il licenziamento dall’amministrazione cantonale di un 38enne svizzero kosovaro domiciliato a Monte Carasso, fratello di uno dei cinque condannat...
22.09.2020
Ticino

"Accogliere i migranti di Moria significa incoraggiare la distruzione di altri centri profughi"

Il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri in un'interpellanza al Consiglio federale chiede che la Svizzera non accolga migranti dall'isola di Lesbo per "non in...
16.09.2020
Svizzera