Sport, 17 giugno 2019

Xhaka… ancora con l’Aquila? Perseverare può essere controproducente

Il capitano della Nazionale, durante una partita benefica che si è tenuta a Pristina, ha replicato l’esultanza tenuta l’anno scorso contro la Serbia al Mondiale e qualcuno storce nuovamente il naso

PRISTINA (Kosovo) – La scorsa estate il Mondiale della Svizzera ha fatto parlare non tanto per l’eliminazione subita – guarda caso – agli ottavi di finale contro la Svezia, ma soprattutto per l’esultanza con l’Aquila bicipite mostrata da Granit Xhaka, da Xherdan Shaqiri e da Stephan Lichtsteiner al momento dei gol realizzati nella vittoria ottenuta per 2-1 contro la Serbia nella fase a gironi.

Un’esultanza, dedicata alle origini del numero 10 e del numero 23 elvetico, che ha fatto scalpore, ha creato critiche e ha portato ad allontanamenti anche in seno alla Federazione. I giocatori, invece, dopo qualche rimbrotto sono rimasti al loro posto… Xhaka, inoltre, ora indossa anche la fascia da capitano.

Ma tutto quel polverone, che sembrava essere stato messo da parte, si è riproposto ieri sera quando durante una partita di beneficenza che si è tenuta a Pristina, per festeggiare i 20
anni delle liberazione della città, il nostro capitano ha nuovamente festeggiato una rete (quella del 3-3) con l’Aquila bicipite.

Va bene che la partita si è tenuta in Kosovo, per commerorare la festa della liberazione, ma il dubbio che qualcuno in Svizzera non sia felice di quanto accaduto resta grande…

Guarda anche 

Svizzera al cardiopalma, ma agli ottavi ci andiamo noi

DOHA (Qatar) – Sarà Portogallo-Svizzera l’ottavo di finale che martedì ci farà tremare i polsi. Ancora una volta, insomma, la Svizzera si...
02.12.2022
Sport

Alé Svizzera: con coraggio e senza provocazioni

DOHA (Qatar) – Ci siamo. La partita che, al momento della definizione del calendario del Mondiale, era stata indicata come decisiva per le sorti della Nazionale a Q...
02.12.2022
Sport

Muore a 22 anni durante un allenamento: dramma in Argentina

SAN MIGUEL DE TUCUMAN (Argentina) – Un’autentica tragedia si è abbattuta sul calcio colombiano e argentino: a 22 anni è morto improvvisamente il...
01.12.2022
Sport

Inghilterra-USA, anno 1950: la brutta figura dei “maestri”

LUGANO - La sorprendente sconfitta dell’Argentina contro l’Arabia Saudita ai Mondiali del Qatar conferma, semmai ce ne fosse bisogno, che nel calcio come...
01.12.2022
Sport