Mondo, 17 giugno 2019

Le giovani nate dopo il 2000, il nuovo bersaglio dell'ISIS

L'Agenzia europea di cooperazione per la polizia criminale, con sede a L'Aia, ha presentato un rapporto dell'attività di reclutamento del gruppo jihadista ISIS, un ritratto in cui emerge che sono sempre più giovanissime donne a essere prese di mira dalla comunicazione ISIS..

"Stiamo parlando di giovani nati intorno al milennio in particolare", ha dichiarato Manuel Navarette, direttore del Centro europeo di lotta al terrorismo (ECTC) di Europol, citato da AFP. "La propaganda dell'ISIS è incentrata sulle donne tra i 16 ei 25 anni, un gruppo più vulnerabile alle sue attività e che è facilmente accessibile tramite i social network. L'ISIS si è adattato al nuovo obiettivo", ha aggiunto in conferenza stampa.

Molto presente su Internet e più in particolare sui social network, l'ISIS cerca proseliti in particolare fra le giovani donne, donne che nel corso degli anni hanno acquisito un ruolo molto più "offensivo" che "difensivo" all'interno del gruppo, più di quanto succedeva nei gruppi jihadisti prima dell'avvento dell'ISIS.

Le donne, all'interno dell'ISIS, hanno avuto un ruolo molto più attivo, pur mantenendo la responsabilità per le pulizie, l'affidamento dei figli e il benessere degli sposi, afferma il rapporto.

Quando l'ISIS cominciò a perdere terreno, l'organizzazione "iniziò a chiedere alle donne di assumere un ruolo diverso, di operare come medico o in un modo diverso, non solo come una casalinga tradizionale, spiega Navarette.

Dopo la caduta a marzo del "califfato" dell'IS, il gruppo è rimasto attivo in diversi paesi in Medio Oriente, Africa e Asia e continua ad essere presente su Internet. "La preoccupazione è che questo maggiore coinvolgimento delle donne possa spianare la strada a potenziali cambiamenti importanti", afferma il rapporto dell'Europol, rilevando un aumento di Francia e Regno Unito nell'arresto di donne nell'ambito del terrorismo islamico."

Guarda anche 

Prima preghiera islamica a Santa Sofia dopo 86 anni

Diverse migliaia di musulmani hanno partecipato venerdì a Istanbul, alla presenza del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, alla prima preghiera dentro e fuori al...
25.07.2020
Mondo

Per politici e giornalisti il libro Stop Islam di Magdi Allam

Lo scorso anno il fondatore del movimento politico “Il Guastafeste”, Giorgio Ghiringhelli, aveva inviato ai 90 deputati in Gran Consiglio una copia del libro ...
20.07.2020
Svizzera

La Basilica di Santa Sofia tornerà ad essere una moschea?

In perdita di velocità sin da quando ha perso il sindacato di Istanbul, il presidente turco Recep Erdogan sta moltiplicando le iniziative per invertire la tendenza...
07.07.2020
Mondo

Ecco i tre vincitori dello “Swiss Stop Islamization Award 2020”

Lo scopo dello Swiss Stop Islamization Award, ideato nel 2018 dal movimento politico “Il Guastafeste” di Giorgio Ghiringhelli (www.ilguastafeste.ch), è...
12.05.2020
Svizzera