Mondo, 17 giugno 2019

Le giovani nate dopo il 2000, il nuovo bersaglio dell'ISIS

L'Agenzia europea di cooperazione per la polizia criminale, con sede a L'Aia, ha presentato un rapporto dell'attività di reclutamento del gruppo jihadista ISIS, un ritratto in cui emerge che sono sempre più giovanissime donne a essere prese di mira dalla comunicazione ISIS..

"Stiamo parlando di giovani nati intorno al milennio in particolare", ha dichiarato Manuel Navarette, direttore del Centro europeo di lotta al terrorismo (ECTC) di Europol, citato da AFP. "La propaganda dell'ISIS è incentrata sulle donne tra i 16 ei 25 anni, un gruppo più vulnerabile alle sue attività e che è facilmente accessibile tramite i social network. L'ISIS si è adattato al nuovo obiettivo", ha aggiunto in conferenza stampa.

Molto presente su Internet e più in particolare sui social network, l'ISIS cerca proseliti in particolare fra le giovani donne, donne che nel corso degli anni hanno acquisito un ruolo molto più "offensivo" che "difensivo" all'interno del gruppo, più di quanto succedeva nei gruppi jihadisti prima dell'avvento dell'ISIS.

Le donne, all'interno dell'ISIS, hanno avuto un ruolo molto più attivo, pur mantenendo la responsabilità per le pulizie, l'affidamento dei figli e il benessere degli sposi, afferma il rapporto.

Quando l'ISIS cominciò a perdere terreno, l'organizzazione "iniziò a chiedere alle donne di assumere un ruolo diverso, di operare come medico o in un modo diverso, non solo come una casalinga tradizionale, spiega Navarette.

Dopo la caduta a marzo del "califfato" dell'IS, il gruppo è rimasto attivo in diversi paesi in Medio Oriente, Africa e Asia e continua ad essere presente su Internet. "La preoccupazione è che questo maggiore coinvolgimento delle donne possa spianare la strada a potenziali cambiamenti importanti", afferma il rapporto dell'Europol, rilevando un aumento di Francia e Regno Unito nell'arresto di donne nell'ambito del terrorismo islamico."

Guarda anche 

L’islamizzazione avanza grazie agli “utili idioti” e ai “collaborazionisti”

La votazione del 7 marzo sull’iniziativa antiburqa ha messo in luce un fatto preoccupante in ottica futura. Quasi la metà dei cittadini ha votato contro l&rs...
14.07.2021
Opinioni

L'Austria mette al bando i Fratelli Musulmani

L’Austria è il primo Paese europeo ad aver bandito la Fratellanza Musulmana, una delle più importanti associazioni dell’islam pol...
14.07.2021
Svizzera

Giovane svizzera si converte all’Islam, poi vuole tagliare la gola all’ex fidanzato

Una 22enne svizzera compare oggi a processo nel canton Svitto con l’accusa di aver tentato di uccidere l’ex fidanzato afghano e sua madre. Il Ministero pubbli...
02.07.2021
Svizzera

Politici e giornalisti a lezione di diritto islamico

Nel solco di una tradizione iniziatasi nel 2019 e mirante a contribuire alla formazione di politici e giornalisti su questioni concernenti l’islam, negli scorsi gio...
20.06.2021
Opinioni