Mondo, 11 giugno 2019

Scontri interetnici in Mali, un centinaio i morti

Un centinaio di morti, case incendiate, animali uccisi: un villaggio in Mali, composto da persone appartanenti all'etnia dogon è stato "praticamente raso al suolo" nel Mali centrale, paese in preda a feroci scontri interetnici. un attacco L'attacco è avvenuto nella notte tra domenica e lunedì.

"E 'uno shock, una tragedia", ha detto il capo della missione delle Nazioni Unite in Mali, Mahamat Saleh Annadif nei corridoi delle Nazioni Unite a New York, mentre si diffondeva la notizia di questo ennesimo massacro. L'attacco segue il massacro del 23 marzo di circa 160 persone appartenente all'etnia Fulani da parte di sospetti miliziani Dogon in questa regione, vicino al confine con il Burkina Faso, che è diventata la regione più violenta del paese.

Dopo l'arrivo nel 2015 del predicatore jihadista Amadou Kufa, che ha fatto proseliti soprattutto tra i Peul, tradizionalmente pastori, gli scontri sono in aumento tra questa comunità etnica e le etnie Bambara e Dogon, soprattutto per il controllo dei terreni agricoli. Dopo l'arrivo dei jihadisti, I Bambara e I Dogon hanno a loro volta creato i loro "Gruppi di autodifesa".

"Uomini armati, sospettati di essere terroristi, hanno lanciato un assalto mortale nel tranquillo villaggio di Sobame Da", noto anche come Sobane-Kou, nel comune Sangha, nella regione di Mopti, ha detto il governo, citato dall'agenzia AFP. Il bilancio provvisorio è di "95 morti e 19 dispersi, numerosi animali macellati e case incendiate" precisa il governo, che annuncia una "massiccia caccia all'uomo per rintracciare i colpevoli" di questa "carneficina".


Guarda anche 

"La Svizzera deve difendersi dall'Islam"

Cosa sta succedendo alla Svizzera? Prima delle vacanze estive, un giovane siriano di una famiglia di rifugiati, ricevendo una protezione speciale e tutta l'assistenza...
09.12.2019
Svizzera

Dieci anni fa il popolo svizzero vietò la costruzione di minareti, "una battaglia di tutti i paesi democratici"

Dieci anni fa, più precisamente il 29 novembre, il popolo svizzero accolse a larga maggioranza il divieto di edificazione di minareti. Un sì che, si disse, ...
02.12.2019
Svizzera

Germania, a Francoforte si vuole aprire la prima piscina per musulmani

Una piscina riservata ai soli musulmani. È l'idea di Abdullah Zeran, 38enne turco con passaporto tedesco residente a Francoforte, e ideatore del progetto ...
23.11.2019
Mondo

I bambini dell'ISIS minacciano gli occidentali, "vi sgozzeremo"

Mark Stone, giornalista dell'emittente britannica Sky News, si è recato in Siria per visitare il campo di prigionia di Al Hol, dove sono tenute le donne e i ba...
19.11.2019
Mondo