Mondo, 11 giugno 2019

Scontri interetnici in Mali, un centinaio i morti

Un centinaio di morti, case incendiate, animali uccisi: un villaggio in Mali, composto da persone appartanenti all'etnia dogon è stato "praticamente raso al suolo" nel Mali centrale, paese in preda a feroci scontri interetnici. un attacco L'attacco è avvenuto nella notte tra domenica e lunedì.

"E 'uno shock, una tragedia", ha detto il capo della missione delle Nazioni Unite in Mali, Mahamat Saleh Annadif nei corridoi delle Nazioni Unite a New York, mentre si diffondeva la notizia di questo ennesimo massacro. L'attacco segue il massacro del 23 marzo di circa 160 persone appartenente all'etnia Fulani da parte di sospetti miliziani Dogon in questa regione, vicino al confine con il Burkina Faso, che è diventata la regione più violenta del paese.

Dopo l'arrivo nel 2015 del predicatore jihadista Amadou Kufa, che ha fatto proseliti soprattutto tra i Peul, tradizionalmente pastori, gli scontri sono in aumento tra questa comunità etnica e le etnie Bambara e Dogon, soprattutto per il controllo dei terreni agricoli. Dopo l'arrivo dei jihadisti, I Bambara e I Dogon hanno a loro volta creato i loro "Gruppi di autodifesa".

"Uomini armati, sospettati di essere terroristi, hanno lanciato un assalto mortale nel tranquillo villaggio di Sobame Da", noto anche come Sobane-Kou, nel comune Sangha, nella regione di Mopti, ha detto il governo, citato dall'agenzia AFP. Il bilancio provvisorio è di "95 morti e 19 dispersi, numerosi animali macellati e case incendiate" precisa il governo, che annuncia una "massiccia caccia all'uomo per rintracciare i colpevoli" di questa "carneficina".


Guarda anche 

Una petizione e un comitato a sostegno dell'iniziativa contro l'eutanasia di animali sani

Ha già raggiunto le 8'000 firme una petizione in appoggio all'iniziativa contro l'eutanasia di animali da compagnia sani annunciata lo scorso 23 luglio...
29.07.2020
Ticino

Prima preghiera islamica a Santa Sofia dopo 86 anni

Diverse migliaia di musulmani hanno partecipato venerdì a Istanbul, alla presenza del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, alla prima preghiera dentro e fuori al...
25.07.2020
Mondo

Per politici e giornalisti il libro Stop Islam di Magdi Allam

Lo scorso anno il fondatore del movimento politico “Il Guastafeste”, Giorgio Ghiringhelli, aveva inviato ai 90 deputati in Gran Consiglio una copia del libro ...
20.07.2020
Svizzera

La Basilica di Santa Sofia tornerà ad essere una moschea?

In perdita di velocità sin da quando ha perso il sindacato di Istanbul, il presidente turco Recep Erdogan sta moltiplicando le iniziative per invertire la tendenza...
07.07.2020
Mondo