Svizzera, 16 maggio 2019

Un presunto capo dell'ISIS si trova in carcere in Svizzera

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) sta indagando su un uomo sospettato di avere ricoperto una posizione di primo piano nello Stato islamico (ISIS). Questa procedura è evocata in una decisione del Tribunale penale federale (TPF) pubblicata mercoledì. Come riporta “20 minutes”, l'individuo si trova in detenzione preventiva da circa due anni.

L'uomo è accusato dal MPC di aver sostenuto un'organizzazione criminale e di aver violato la legge contro Al Qaeda. Secondo la decisione della commissione di ricorso del TPF, egli avrebbe svolto numerose attività a vantaggio dell'ISIS, come il reclutamento, il finanziamento, l'istigazione a attentati suicidi, la propaganda e la pianificazione di un attacco terroristico.

L'imputato ha presentato ricorso al TPF perché suo fratello e un'altra persona erano stati interrogati al di fuori della sua presenza. Il codice di procedura penale prevede in linea di principio la presenza di un imputato durante l'esame di testimoni o altre persone in relazione al suo caso, in modo che possa godere del diritto di difendersi. Sono tuttavia previste eccezioni.

Secondo il TPF, in questo caso va applicata tale eccezione. L'imputato ha ripetutamente cercato di trasmettere informazioni al di fuori del carcere nonostante l'espresso divieto del MPC. Potrebbe anche aver cercato di influenzare le due persone interrogate durante il loro interrogatorio.

Il MPC non ha voluto fornire ulteriori informazioni su questo caso. Interpellato dall'agenzia Keystone-ATS, tuttavia, ha confermato che una persona sospettata dei reati sopra descritti è in stato di detenzione preventiva.

Guarda anche 

Doppio sì alle urne, UE soddisfatta "ma non ci saranno concessioni"

L'UE ha accolto con soddisfazione il risultato delle votazioni federali svoltesi ieri in Svizzera. Tuttavia Bruxelles non farà nessuna concessione alla Confede...
20.05.2019
Svizzera

"Onore ai ticinesi", "ora so dove passare le mie vacanze". Le reazioni all'indomani del NO ticinese alla Legge sulle armi

Non è passato inosservato il NO del canton Ticino alla nuova legge sulle armi, unico cantone ad avere rifiutato la direttiva UE sulle armi. Il “no” tic...
20.05.2019
Svizzera

Si presenta all'incontro a luci rosse con la figlia di 3 anni, ma ad aspettarlo c'è la polizia

La polizia cantonale di Zurigo ha arrestato un uomo di 44 anni per sospetti atti di pedofilia. L'uomo, residente nel canton Argovia, è sospettato, tra le altre...
20.05.2019
Svizzera

Una Russia marziana, la Svizzera deve restare ancorata a terra

BRATISLAVA (Slovacchia) – Un famoso luogo comune dell’hockey recita che la Russia è capace del meglio come del peggio, dipende da come la Red Machine s...
20.05.2019
Sport