Svizzera, 16 maggio 2019

Un presunto capo dell'ISIS si trova in carcere in Svizzera

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) sta indagando su un uomo sospettato di avere ricoperto una posizione di primo piano nello Stato islamico (ISIS). Questa procedura è evocata in una decisione del Tribunale penale federale (TPF) pubblicata mercoledì. Come riporta “20 minutes”, l'individuo si trova in detenzione preventiva da circa due anni.

L'uomo è accusato dal MPC di aver sostenuto un'organizzazione criminale e di aver violato la legge contro Al Qaeda. Secondo la decisione della commissione di ricorso del TPF, egli avrebbe svolto numerose attività a vantaggio dell'ISIS, come il reclutamento, il finanziamento, l'istigazione a attentati suicidi, la propaganda e la pianificazione di un attacco terroristico.

L'imputato ha presentato ricorso al TPF perché suo fratello e un'altra persona erano stati interrogati al di fuori della sua presenza. Il codice di procedura penale prevede in linea di principio la presenza di un imputato durante l'esame di testimoni o altre persone in relazione al suo caso, in modo che possa godere del diritto di difendersi. Sono tuttavia previste eccezioni.

Secondo il TPF, in questo caso va applicata tale eccezione. L'imputato ha ripetutamente cercato di trasmettere informazioni al di fuori del carcere nonostante l'espresso divieto del MPC. Potrebbe anche aver cercato di influenzare le due persone interrogate durante il loro interrogatorio.

Il MPC non ha voluto fornire ulteriori informazioni su questo caso. Interpellato dall'agenzia Keystone-ATS, tuttavia, ha confermato che una persona sospettata dei reati sopra descritti è in stato di detenzione preventiva.

Guarda anche 

Valutazione immobiliare: valore di mercato e valore di credito ipotecario, sai di cosa si tratta?

I valutatori immobiliari di Brülhart & Partners SA tengono a chiarire il concetto di “valore di mercato” e di “valore di credito ipotecario&rdq...
06.07.2020
Ticino

La Svizzera condannata dalla CEDU per il suicidio di un detenuto

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha accolto il ricorso di una madre il cui figlio si era suicidato nel 2014 nella sua cella di Urdorf, nel canton Zurigo....
02.07.2020
Svizzera

Weekend di risse e aggressioni in Svizzera, almeno 7 feriti

È stato un fine settimana di animi surriscaldati quello appena trascorso in Svizzera. Risse e aggressioni hanno provocato diversi feriti, anche gravi, in 5 episodi...
22.06.2020
Svizzera

La Svizzera aiuta gli USA a liberare un ostaggio e Trump ringrazia personalmente

Il ruolo della Svizzera nel mediare fra diverse parti in disaccordo fra di loro viene spesso sottaciuto. Per motivi anche comprensibili, ma con la conseguenza che il gran...
05.06.2020
Svizzera