Svizzera, 13 maggio 2019

I richiedenti l'asilo eritrei "fuggono" dalla Svizzera per andare in Francia e in Germania

Dalla primavera del 2018, la Svizzera ha inasprito la sua politica d'asilo nei confronti degli eritrei che rappresentano il loro più grande contingente di richiedenti asilo. Di conseguenza, molti eritrei fuggono dalla Confederazione svizzera per tentare la sorte in Francia o in Germania per paura di essere deportati nel loro paese di origine.

"Negli ultimi mesi, notiamo a Nantes (nella Francia occidentale)( un aumento del numero di eritrei provenienti dalla Svizzera", ha detto al portale francese "InfoMigrants" il collettivo "Autre cantine", che offre supporto ai migranti nella città francese. Era l'inizio di aprile 2019. "Ci sono già un centinaio di nuovi arrivati", disse allora.

Jemal, Meki e Ashu (nomi di fantasia) sono tra questi. I tre eritrei, che ora vivono in una palestra nella periferia di Nantes, hanno trascorso diversi anni in Svizzera prima di fuggire alla fine dell'anno scorso. "Non potevamo rimanere lì più", dice Jemal. "La legge è cambiata e siamo diventati privi di documenti e non potevamo più lavorare".

Secondo i dati della Segreteria di Stato svizzera per la migrazione (SEM), il numero di eritrei richiedenti l'asilo è passato dai circa 1'000 del 2005 a oltre 15'000 nel 2015. Nel terzo trimestre del 2018, se ne registravano 23'862 con lo status di rifugiato e 9 587 con un permesso di ammissione provvisoria (permesso F).

In Svizzera, quando un migrante ottiene il permesso F, può, a determinate condizioni, lavorare legalmente. Questo permesso è seguito rinnovabile ogni anno. Di conseguenza, gli eritrei, il cui paese non ammette i suoi cittadini espulsi, rende l'espulsione di richiedente l'asilo eritreo impossibile .

Ma dall'aprile 2018, gli eritrei possono perdere il loro permesso F, dopo che la SEM aveva annunciato di voler riesaminare 3200 dossier di eritrei ammessi come rifugiati o detentori di un permesso F.

Da allora, anche se in verità pochissimi eritrei hanno visto il loro permesso ritirato, sarebbero appena otto quelli confermati, l'effetto psicologico per i 3200 toccati dalla misura di riesamina, e per gli eritrei in generale, è stato molto più marcato.

"Come ovunque in Europa, la Svizzera ha inasprito le sue condizioni di accoglienza", afferma Raphael Rey, coordinatore dell'Osservatorio della legge francese sull'asilo e gli stranieri (ODAE), interpellato da "InfoMigrants". I nuovi richiedenti l'asilo ​​avranno quindi più difficoltà a vedere accolta la loro domanda d'asilo, incluso il permesso F.

Lo stesso Rey parla di "un forte stress" per i migranti eritrei, che finora erano quasi assicurati di un futuro in Svizzera, che sia con lo status da rifugiato o come detentori di permessi F. Non rientrare in una di queste due categorie significa avere diritto solo ad un aiuto di emergenza, "pari a 7 euro al giorno, una cifra troppo modica per un paese caro come la Svizzera" aggiunge Rey al portale francese.

L'unica soluzione, fatto salvo il ritorno a casa, è tentare la fortuna in altri paesi, come la Francia o la Germania. E, come dimostra l'articolo di "InfoMigrants", ad aver varcato il confine per cercare asilo non sarebbero stati in pochi negli ultimi mesi.

Fonte

Guarda anche 

Muore annegato cercando di salvare il suo cane

Il corpo senza vita di un uomo di 73 anni è stato ritrovato nel Reno all'altezza della città di confine di Jestetten, in Germania. Il malcapitato era sc...
20.07.2019
Svizzera

Il Patto ONU che cova sotto la cenere

E’ un po’ che non si sente più parlare del patto ONU sulla migrazione, detto anche Global Compact. Quello che 165 Stati hanno sottoscritto nel dicembre...
19.07.2019
Svizzera

Fugge da un istituto psichiatrico, un poliziotto gli spara

Un uomo fuggito da un'istituto psichiatrico ha perso la vita mercoledì sera durante un'operazione di polizia a Berna. Ritenuto un "pericolo imminente&...
18.07.2019
Svizzera

La polizia sta cercando un caimano in un lago del canton Argovia

La polizia argoviese sta cercando un caimano avvistato domenica sera da un pescatore nel lago Hallwil. Sul posto, i bagnanti non sembrano preoccupati: tra i nuotatori che...
18.07.2019
Svizzera