Svizzera, 19 aprile 2019

Musulmana radicalizzata, potrà essere espulsa dalla Svizzera anche se ha il passaporto francese

Il Tribunale amministrativo federale ha respinto il ricorso di una giovane donna musulmana in possesso del passaporto francese espulsa dalla Svizzera nella primavera del 2017 per radicalizzazione. Le informazioni a disposizione di Fedpol erano sufficienti per prendere una tale decisione, sostiene la corte. Il giudizio non è tuttavia definitivo e l'interessata può ancora presentare ricorso.

Nell'agosto 2016, la donna, all'epoca 18enne, era arrivata in Svizzera e aveva fatto domanda per un permesso di soggiorno UE / EFTA. La sua richiesta è stata respinta dall'Ufficio federale di polizia (Fedpol) sulla base delle informazioni fornite dal Servizio di Informazione della Confederazione (SIC).

Secondo il SIC, la giovane donna si era sposata in una moschea con un uomo, possessore di passaporto svizzero, noto per i suoi contatti con persone che sostengono organizzazioni terroristiche o persone che sono state indagate per appartenere a un'organizzazione criminale.

Inoltre, la coppia si era recata in Turchia nel luglio 2016, da dove era tornata alcuni giorni dopo “in condizioni poco chiare”. Un anno prima, il suo compagno si era recato a Raqqa, la "capitale" dello Stato islamico in Siria.

(sentenza F-1954/2017 del 8 aprile 2019)

Guarda anche 

"In Europa i musulmani trattati come gli ebrei negli anni 30", continua la rissa verbale tra Erdogan e Macron

Continua la “rissa verbale” tra il presidente turco Recep Erdogan e i capi di stato europei, in primis Emmanuel Macron, in un contesto sempre più teso ...
27.10.2020
Mondo

Giovane musulmana rasata a zero per una relazione con un cristiano, i famigliari andranno in carcere

I genitori, lo zio e la zia della giovane ragazza musulmana picchiata e rasata a zero perché usciva con un giovane cristiano serbo (vedi articoli correlati), sono ...
24.10.2020
Mondo

Hockey: e se il campionato si prendesse una pausa?

FRIBORGO – I numeri dei contagi da Covid-19 sono in ampia e costanza ascesa, aumentano anche i ricoveri e le presenze in terapia intensiva e, stando a quanto riport...
21.10.2020
Sport

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera