Sport, 17 aprile 2019

La VAR sbarca in Super League: a Lugano la presenta Massimo Busacca

Galleria fotografica

L’ex arbitro è stato l’ospite d’eccezione di un evento andato in scena questa sera a Lugano: “Le squadre non possono più perdere per errore degli arbitri, ma saranno sempre loro a prendere l’ultima decisione”

LUGANO – Serata importante quella andata in scena questa sera a Lugano, presso l’Hotel De La Paix, dove, in occasione dell’evento “Gli imprenditori incontrano il calcio”, organizzato dalla Banca Raiffeisen e dall’FC Lugano, l’ospite d’eccezione era l’ex arbitro internazionale, Massimo Busacca, oggi direttore della divisione arbitri della FIFA.

L’ex fischietto ha tenuto un’importante presentazione in merito al VAR – che verrà introdotto in Super League a partire dalla prossima stagione – in base alla sua esperienza di arbitro.

Come ha sempre sottolineato nei suoi interventi, Busacca ha tenuto a  sottolineare che “è l’arbitro a gestire la partita, che sa come si deve comportare, che sa trovare una soluzione e che sa come uscire dalle situazioni scomode, è sempre l’arbitro a dover essere sé stesso nonostante la presenza della tecnologia, che deve prendere le decisioni in tempi brevi, che deve sacrificarsi, deve essere autocritico e deve migliorare sempre di più, sia tecnicamente che fisicamente e deve essere in grado di gestire i rapporti con i calciatori”.

L’avvento del VAR, è innegabile, sta cambiando il calcio, sta cambiando l’approccio di giocatori e tifosi che sanno che qualsiasi torto subìto potrà essere tolto grazie alla tecnologia, ma al centro delle decisioni resta sempre l’uomo. Un uomo col fischietto che deve continuare ad arbitrare “senza pensare ai possibili aiuti, continuando a tenere le giuste posizioni sul terreno di gioco; solo in caso di errore allora entrerà in gioco anche la tecnologia”, ha tenuto a spiegare Busacca.

Durante il suo intervento sono state spiegate anche le particolarità del VAR e dei tanti motivi che hanno spinto il mondo del pallone ad aprire alla tecnologia, cosa che sembrava impensabile fino a qualche anno fa. “Le squadre non possono più perdere per errori dei direttori di gara, anche perché il calcio è business e gli interessi in ballo sono altissimi”, ha sottolineato l’ex fischietto elvetico che ha poi fotografato le varie caratteristiche della VAR e i momenti in cui può essere usata.
Galleria fotografica

Guarda anche 

“Mi era stato detto che i napotelani erano razzisti, vedo che è vero”: lo sfogo della compagna di Malcuit

NAPOLI (Italia) – Soltanto una settimana fa la FIFA ha deciso di rendere ancora più severe le leggi contro il razzismo negli stadi: pene raddoppiate e partit...
18.07.2019
Sport

È arrivato Spooner, ma l’addio di Lapierre spacca in due la tifoseria

LUGANO – Sono trascorsi solo pochi giorni dall’annuncio dell’addio di Maxim Lapierre al Lugano e il club bianconero ha subito risposto presente, mettend...
18.07.2019
Sport

VIDEO – A 14 anni lancia un appello a Mihajlovic: “Ho la leucemia, ti aspetto in ospedale e vinciamo assieme questa battaglia”

BOLOGNA (Italia) – “Da martedì sarò in ospedale, non vedo l’ora di cominciare, perché prima comincio e prima finisco”. Cos&ig...
16.07.2019
Sport

Baumann-Rodriguez: il Lugano può davvero sorridere

LUGANO – Mancanza di cattiveria, questo ha sottolineato domenica a fine partita Fabio Celestini. Gambe pesanti, ma fiducia in vista di Zurigo: questa è stata...
16.07.2019
Sport