Sport, 15 aprile 2019

Tutto sul nuovo coach HCL: Sami Kapanen, dalla A alla Z

Il tecnico finlandese sotto la nostra lente

LUGANO - Sami Hannu Antero Kapanen è l’uomo giusto per far tornare il Lugano ai massimi livelli nazionali? I dirigenti bianconeri, Vicky Mantegazza in testa, ne sono convinti. Di lui si sa che è un personaggio conosciutissimo nel suo Paese per i prestigiosi trascorsi da giocatore sia nella Liga finlandese sia (e soprattutto) nella NHL con oltre 900 partite disputate. Ma ha pure una buona fama come tecnico, visto che ha allenato il KalPa Kuopio, portato alla vittoria nella Coppa Spengler nel 2018. In questo club ha pure lanciato diversi giovani talentuosi che, prima o poi, potrebbero finire in Nordamerica o in KHL. Insomma: un tecnico ed una persona molto interessante e del quale il Mattino della Domenica oggi mette in rilievo con l’alfabeto alcune caratteristiche.

A come All Star Game. Kapanen ne ha disputato uno nella NHL, esattamente nel 2000 (quando vestiva la maglia dei Carolina Hurricanes) distinguendosi sempre per le sue capacità tecniche e tattiche, sia in fase offensiva sia in quella difensiva. “A” come ambizioso, il tecnico finnico ha ribadito di voler puntare in alto con l’HCL.

B come… bicchiere mezzo pieno. Kapanen ammette che nel Lugano ci sono state un paio di partenze importanti ma lui preferisce “guardare il bicchiere mezzo pieno per trovare la miglior amalgama”.

C come contratto: quello firmato da Sami Kapanen con il Lugano è della durata di due anni, quindi fino alla stagione 2020/2021.

D come draft. Le prodezze di Kapanen in Finlandia non sono passate inosservate nel mondo della NHL, tanto che gli Hartford Whalers lo hanno “agganciato” nel 1995, facendogli firmare il suo primo contratto nella lega professionistica nordamericana.

E come esperienza, che Kapanen ha acquisito come giocatore e come tecnico ai più alti livelli, specialmente con il Kuopio, che lui ha rilanciato dandogli un nuovo volto sul piano del gioco e della mentalità.

F come Finlandia. Kapanen con la selezione del suo Paese si è affermato come uno dei grandi trascinatori, conquistando dei traguardi eccezionali, sia ai Mondiali che alle Olimpiadi.

G come giovani. Sami Kapanen conosce benissimo la materia, avendo sfornato diversi talenti già quando aveva iniziato la sua esperienza come allenatore nell’Under 20 del Kuopio. Altri li ha valorizzati quando è passato nella prima squadra del KalPa, dapprima come assistente e poi come head coach.

H come HIFK Helsinki, squadra della Liga finnica con la quale nella stagione 1994/1995 ha giocato 49 partite totalizzando 42 punti (14 gol e 28 assist).

I come intensità, una delle basi (unitamente alla velocità) imprescindibili di Kapanen per dare la giusta identità tattica e tecnica allasquadra.

K come Kasperi (suo figlio, ora ai Toronto Maple Leafs) e come Kimmi, suo fratello (ha un anno in meno rispetto a Sami) portiere di livello avendo giocato oltre 600 partite tra la Liga e la lega tedesca, prima di diventare dirigente del Kuopio ed poi procuratore.

L come lavoro. Negli allenamenti Kapanen cura ogni minimo dettaglo, il lavoro per lui è sacro. Durante gli stessi cerca di dialogare spesso con i giocatori per creare il giusto feeling.

M come Mondiali. Con i tornei iridati Kapanen ha un rapporto davvero speciale visto che ha vinto un titolo nel 1995 in Svezia e ottenuto ben tre argenti nel 1994 in Italia, nel 1998 in Svizzera e nel 2001 in Germania.

N come NHL. Kapanen in 12 anni in Nordamerica ha disputato globalmente 918 partite con le maglie degli Hartford Whalers, Carolina Hurricanes e Philadelphia Flyers. Significativa la sua statistica visto che ha totalizzato 493 punti (202 gol e 291 assist).

O come Olimpiadi. Ai Giochi Kapanen, pur non avendo mai vinto l’oro, ha conquistato due bronzi: a Lillehammer nel 1994 e a Nagano nel 1998.

P come proprietario. Kapanen è ancora il “padrone” ed il general manager del Kuopio.

Q come qualità. Al Kuopio Kapanen ha saputo dare un gioco di grande spessore, tanto ammirato ed applaudito l’anno scorso alla Coppa Spengler, vinta proprio dalla sua squadra.

R come ritiro. Il 3 marzo del 2014 Sami Kapanen ha disputato con il Kuopio l’ultima partita della sua carriera come giocatore, al fianco come detto prima di suo figlio Kasperi, diventato una celebrità a Toronto nella NHL.

S come squadra, che per Kapanen viene prima di tutto, oppure come sfida. Sami ha dichiarato in conferenza stampa che ama sfidare se stesso. È affamato di nuove avventure.

T come talenti. Kapanen nel Kuopio ha saputo sfornare diversi giocatori, confermando le sue indiscusse doti di formatore. Due su tutti: l’attaccante Joni Ikonen (20 anni) e il talentuoso francese Alexandre Texier, finiti entrambi in Nordamerica.

U come uomo. Kapanen prima del giocatore, vuole conoscere l’uomo, per capire
le sue esigenze… 

V come Vantaa. È la città (situata nel distretto di Helsinki) in cui Sami Kapanen è nato il 14 giugno 1973.

Z come zona playoff. La squadra di Kapanen non ce l’ha fatta ed è rimasta esclusa nella recente regular season della Liiga finlandese. Il Kuopio si è classificato dodicesimo posto su 15 squadre.

G.M.

Guarda anche 

Affitti a pigione moderata, incrementi graduali nei prossimi anni

È arrivata il 19 luglio la risposta all'interrogazione di Boris Bignasca in merito alla problematica degli appartamenti di Via Beltramina i cui sussi...
22.07.2019
Ticino

Blues to Bop 2019: alle origini del blues

La trentunesima edizione di Blues to Bop (29 agosto – 1 settembre) celebrerà la storia della musica blues con quattro giorni di concerti gratuiti e approfond...
22.07.2019
Ticino

Ehi Lugano, sei primo in classifica! Che partenza per i bianconeri!

ZURIGO – È vero che dopo una sola giornata, “basta” vincere per ritrovarsi nelle prime posizioni in classifica, ma il primo posto in solitaria di...
22.07.2019
Sport

Pronti, partenza… via: il treno del Lugano è pronto a mettersi in moto

ZURIGO – Un po’ tutti abbiamo negli occhi la splendida, intensa e travagliata cavalcata che lo scorso anno permise al Lugano di conquistare la terza piazza in...
21.07.2019
Sport