Opinioni, 04 aprile 2019

AEROPORTO CANTONALE

Rilanciare un struttura fondamentale per il Ticino e per la sua economia

L’aeroporto è un tema presente nella discussione politica ed economica del Cantone da non meno di 30 anni e mai come oggi è necessario uscire dall’angolo, andare allo scoperto e smetterla con inutili polemiche e posizioni che fanno bene solo all’orgoglio di chi le predica.
 
Partiamo dai punti sui quali siamo tutti d'accordo: l'aeroporto è uno strumento per far crescere il nostro territorio, per portare il nostro Ticino più vicino ad un turismo di qualità, per rendere la nostra terra più facile da raggiungere non da tutti, non certamente dalle grandi masse ma da chi si muove per affari, da chi vuole investire, da chi desidera partecipare ad un congresso piuttosto che, come accennato, da chi vuole visitare la nostra splendida terra e fare un turismo ad alto valore aggiunto e di qualità, insomma da quelle persone che da sempre sono al centro dei nostri interessi ed hanno contribuito al benessere del nostro amato Ticino, quei target che senza un aeroporto efficiente non potremmo mai raggiungere.
 
Se partissimo tutti quanti, da questi punti, al di là delle legittime differenti opinioni e oltre le sfumature di pensiero, con un approccio pratico e concreto come siamo abituati a fare in Ticino, sono sicuro che troveremo molto più facilmente le risorse per sviluppare finalmente il nostro amato aeroporto Cantonale. Sì perché il nostro aeroporto è e deve essere Cantonale quindi l'impegno,le risorse e non solo le dichiarazioni di principio devono proprio trovare la spinta da parte del governo del nostro Cantone. Oltre allo sviluppo territoriale che sopra ho accennato si deve considerare anche l'impatto diretto e certo sui posti di lavoro. Come noto oggi sono impiegate direttamente nella società di gestione e nelle aziende che operano nell'aeroporto circa 300 persone; uno sviluppo dell'aeroporto porterebbe nella più prudente delle ipotesi a raddoppiare il numero delle persone impiegate creando centinaia di nuovi posti di lavoro qualificati è specializzati, una boccata d’ossigeno importante per i nostri giovani che cercano lavoro, per chi il lavoro l’ha perso e per chi ha voglia e talento per impieghi ad alto contenuto tecnico.
 
Credo fermamente nello sviluppo del nostro aeroporto credo che la spinta per il decollo sia una responsabilità Cantonale, un Cantone che insieme alla Città di Lugano dovrà trovare le soluzioni tecniche e le giuste risorse per passare dalle parole ai fatti, che devono diventare opportunità di lavoro e benessere per i nostri cittadini.
 
 
Daniele Casalini (Lega dei Ticinesi)
Deputato in Gran Consiglio
Consigliere Comunale Lugano
 
Candidato al Gran Consiglio
 

Guarda anche 

Mattia Melera - Docenti tendenziosi, non è forse ora di agire?

Ha destato scalpore negli scorsi giorni il caso di una verifica di geografia dall’impostazione a dir poco faziosa, proposta in una scuola media del Sottoceneri. In ...
29.05.2019
Opinioni

Mattia Melera - Nuova legge UE sulle armi, no grazie

La modifica della legge sulle armi proposta da Bruxelles (e voluta da Berna) sarà oggetto di votazione il prossimo 19 ...
01.05.2019
Opinioni

“Se si chiede scusa, bisogna avere il diritto di porre rimedio”

Non si placano le polemiche per l’episodio avvenuto qualche giorno fa durante la trasmissione tv “Politicamente scorretto”. La scelta di far indicare...
16.05.2019
Opinioni

Semafori SI – semafori No: ecco il dilemma. Appello alla popolazione ticinese per un sì di solidarietà.

*Di Giorgio Pellanda Come primo firmatario della mozione a favore del credito governativo che ha raccolto l’adesione della maggioranza qualificata del Gran Consi...
15.05.2019
Opinioni