Svizzera, 01 aprile 2019

Ciclista sfugge a un controllo di polizia, lo inseguono e si scontrano. Finisce in ospedale

Uno svizzero di 35 anni è stato ricoverato in ospedale venerdì sera dopo aver sbattuto la contro la portiera di un auto della polizia con la sua bicicletta a Yverdon-les-Bains. Gli agenti volevano eseguire un controllo, secondo un comunicato rilasciato domenica dalla polizia cantonale del canton Vaud. Lo riferisce “LeMatin”.

Il ciclista stava procedendo senza la necessaria illuminazione e gli agenti gli hanno quindi intimato di fermarsi. Vedendo che l'uomo non obbediva, i poliziotti lo hanno inseguito fino a superarlo.

Gli agenti si sono quindi fermati e mentre uno di loro stava uscendo dalla macchina, si è verificata una collisione tra il ciclista e la portiera del passeggero, in circostanze che l'inchiesta deve ancora stabilire, ha scritto la polizia nel suo comunicato. L'uomo è caduto pesantemente sul marciapiede, perdendo conoscenza. È stato quindi ricoverato all'ospedale, da dove è uscito il giorno dopo, sabato mattina, senza riportare conseguenze particolari dall'incidente. Interrogato, sostiene di non ricordare l'accaduto.

Guarda anche 

Avevano abusato di tre donne ubriache, condanne per 14 anni e mezzo di carcere e due espulsioni

"Questa disgustosa vicenda è il simbolo di una generazione che ha perso ogni punto di riferimento. Quando usciamo, siamo fortemente alcolizzati. E l'educa...
13.04.2019
Svizzera

Cresce l'opposizione alla tecnologia 5G: Dopo Vaud, anche Ginevra approva la moratoria

Un giorno dopo i loro colleghi di Vaud, i parlamentari di Ginevra hanno approvato una moratoria sull'implementazione del 5G sul territorio del cantone. La mozione app...
11.04.2019
Svizzera

Agenzia di lavoro svizzera cerca frontalieri, gli imprenditori francesi sbottano: "Ci rubate la manodopera, rischiamo di chiudere"

La facilità con cui un residente di un paese UE può lavorare in Svizzera non pone problemi solo ai lavoratori svizzeri, messi in concorrenza con lavoratori ...
29.03.2019
Svizzera

Migranti abusarono di una giovane poi ritrovata morta, condanne fino a 4 anni e mezzo

I fatti risalgono alla sera del 9 marzo 2018. Gaëlle, una giovane vallesana di 27 anni, vaga senza meta in riva al lago a Vevey, nel canton Vaud. Non è in s&e...
28.03.2019
Svizzera