Mondo, 31 marzo 2019

Come la Polonia (o qualsiasi paese Schengen) può decidere chi ha diritto a entrare in Svizzera

Samuel Jared Taylor (nella foto) è uno scrittore e giornalista americano, conosciuto, specie nel mondo anglosassone, per essere un critico e oppositore dell'immigrazione di massa e del multiculturalismo. Ma chi sia Jared Taylor e quali sono le sue opinioni non è veramente importante, si sappia solo che non ha mai commesso un crimine, non ha mai fatto male a nessuno e non ha nessun legame con persone o gruppi violenti o terroristici.

Eppure Jared Taylor non ha il diritto di venire in Svizzera, nè in nessun altro paese appartenente all'area Schengen (praticamente l'intera Europa quindi). Non perchè le autorità svizzere hanno deciso così, ma perchè lo ha deciso la Polonia, la quale, senza nemmeno informare il diretto interessato, gli ha vietato di viaggiare nell'area Schengen. Il motivo è che Taylor ha tenuto due conferenze in Polonia, il cui contenuto non è piaciuto alle autorità polacche, che lo hanno accusato di "veicolare un'ideologia totalitaria".

Si potrebbe opinare che la Polonia ha, o dovrebbe avere, il diritto di decidere in modo autonomo chi può e chi non può entrare nel suo territorio, senza dover dare tante spiegazioni. Meno sostenibile il fatto che un paese possa decidere di vietare l'entrata in un altro paese, soprattutto se non per motivi di sicurezza pubblica ma bensì sulla base di fumose accuse di "veicolare un'ideologia totalitaria".

Per capire meglio cosa è successo, lo spiega lo stesso Taylor in una lettera scritta e pubblicata venerdì, lettera che abbiamo tradotto e pubblichiamo qua di seguito :

Lettera dall'aeroporto di Zurigo

Mi è stato vietato di entrare in Europa, e sarò espulso domani.

Mi dispiace dovervi informarvi che non potrò partecipare al Forum Scandza di Stoccolma o alla Conferenza del Risveglio di Turku, in Finlandia, dove sono stato invitato a tenere discorsi. Oggi, quando sono atterrato a Zurigo per un volo di collegamento con Stoccolma, le autorità di confine svizzere mi hanno detto che sono stato bandito dall'Europa fino al 2021. Passerò la notte all'aeroporto, e domani sarò deportato.

L'agente di controllo dei passaporti dell'aeroporto di Zurigo mi aveva già timbrato il passaporto e mi ha fatto cenno al volo di Stoccolma quando mi ha chiamato per tornare. Fissava lo schermo del suo computer e mi disse che dovevo aspettare. Lei non ha detto perché. In pochi minuti arriva un poliziotto e mi disse che c'era un ordine dalla Polonia che mi escludeva da tutti i 26 paesi dell'area Schengen.

Ha detto che i polacchi non hanno dato una ragione per il divieto, e mi ha chiesto cosa avevo fatto. Ho detto di aver tenuto dei discorsi sull'immigrazione, e che a qualcuno in Polonia non devono essere piaciuti. "Questo mi rende un criminale politico", dissi.

L'ufficiale mi ha portato in una stanza degli interrogatori e mi ha chiesto dei miei piani di viaggio. A un certo punto va in un'altra stanza per un po' e poi torna con un modulo da firmare dove dichiaravo di aver capito che mi era stato negato l'ingresso e che sarei stato rimandato negli Stati Uniti. Dopo un po', mi prese le impronte digitali e prese la mia fotografia.

Poi mi ha consegnato a un uomo in borghese, che mi ha portato in una sistemazione di tipo dormitorio, dove trascorrerò la notte (vedi sotto). Non è una prigione. La gente paga l'equivalente di 40 dollari per passare la notte qui se perdono un volo. Sono libero di muovermi nell'aeroporto, posso fare telefonate e usare internet, e ho un buono pasto che dovrebbe durare per le prossime 12 ore. L'ufficiale ha però tenuto il mio passaporto e non me lo restituirà finché non salirò sull'aereo che mi porterà a casa.



Perché la Polonia mi ha imposto il divieto di entrare in Europa? Lo scorso settembre ho tenuto alcuni colloqui con gruppi nazionalisti a Varsavia. I colloqui sono andati bene, quindi quando sono stato invitato in Lituania ed Estonia a febbraio per parlare a delle conferenze, sono tornato in Polonia e ho parlato a Lublino e poi a Varsavia. La partecipazione era solo su invito, ma la polizia polacca ha saputo degli incontri. Hanno detto all'organizzatore che se avessi infranto le leggi poliziesche sull'odio, sarei stato ritenuto responsabile. Dissero che stavo "veicolando un'ideologia totalitaria".

In entrambe le città, abbiamo cambiato sede per i colloqui piuttosto che rischiare di far arrivare la polizia. I colloqui furono un successo e a Varsavia diedi anche due interviste televisive. Ho lasciato la Polonia in aereo e ho pensato che la questione fosse chiusa; chiaramente, non lo era. I miei amici polacchi dicono che proveranno a scoprire il motivo del divieto e cercheranno di appellarlo.

Ma cosa stavano pensando i polacchi? Non sono come Lenin e Trotsky che si incontrano a Parigi, complottando per sradicare l'intero Occidente. Voglio mantenere la Polonia così com'è, l'orgogliosa ed eterna patria del popolo polacco. Quello che spero per la Polonia è ciò che una grande maggioranza della popolazione polacca vuole e non è molto diverso dalle politiche del governo. Non sono un pericolo per la Polonia; Sono suo amico e un suo ammiratore.

Tre anni fa avevo ricevuto una lettera da Theresa May, quando era ancora segretaria di Stato. Mi diceva che le mie opinioni sono ripugnanti e che lei aveva deciso di tenermi fuori dal suo paese. La Gran Bretagna è la terra dei miei antenati, della mia lingua, dei miei autori preferiti - e ora ero un esiliato. Era stato un duro colpo.

Solo pochi minuti fa, ho usato il mio buono pasto al "Montreux Jazz Lounge" nel Terminal E. Ho visto la gente mangiare e parlare e ridere, e li ho invidiati. Possono andare e venire come vogliono. Il Terminal E è un luogo moderno e senz'anima, ma è ancora l'Europa. Fa parte di quella cultura, eredità e persone che amo con un amore disperato e struggente, a cui ho dedicato la mia vita e da cui ora sono bandito.

Voi ed io, lavorando insieme ai nostri fratelli e sorelle europei, salveremo l'Europa. La salveremo da ogni minaccia proveniente da ogni angolo del mondo. Ma il nostro primo e più difficile compito è salvarla da sé stessa.

Jared Taylor / amren.com (testo tradotto, l'originale in inglese lo trovate qui)

Guarda anche 

Iva riscossa illegalmente sul canone, ogni famiglia riceverà 50 franchi indietro

L'eccedenza dell'IVA riscossa illegalmente sul canone radiotelevisivo tra il 2010 e il 2015 dovrà essere rimborsata. Il Consiglio federale propone di versa...
18.04.2019
Svizzera

Uccise un portoghese per un portatile, 3,5 anni di carcere e espulsione. Il complice potrebbe scamparla per aver assunto farmaci

Il tribunale penale di Basilea-Città ha condannato giovedì un cittadino spagnolo a 3,5 anni di carcere commutato in misura stazionaria per aver partecipato ...
18.04.2019
Svizzera

Lucerna, allenatore di calcio giovanile filmava i bambini nudi negli spogliatoi

Un allenatore di calcio giovanile ha filmato i bambini che allenava nudi negli spogliatoi della piscina. I fatti hanno avuto luogo da novembre 2017 a dicembre 2018, ha af...
18.04.2019
Svizzera

Pagare 50 franchi ogni volta che si va al pronto soccorso? Se ne discute in Parlamento

Lo scorso anno, la Commissione del Consiglio nazionale per la sicurezza sociale e la sanità pubblica (CSSS) ha approvato due iniziative parlamentari volte a render...
18.04.2019
Svizzera